Coloni in marcia verso Gerusalemme, con la protezione della polizia israeliana.

Al-Quds occupata (Gerusalemme) – Infopal.

Ore 10. Coloni in marcia verso Gerusalemme, con la protezione della polizia israeliana.

Gruppi estremisti ebraici si stanno preparando ad un corteo che si snoderà per le vie di Silwan, a Gerusalemme (al-Quds), per chiedere la demolizione di case di palestinesi, i quali, secondo costoro, dovrebbero essere cacciati dal quartiere per fare posto alle loro costruzioni coloniali.

Fonti israeliane ricordano che la polizia proteggerà il corteo, che si terrà il 25 aprile a Silwan, onde prevenire disordini tra gli abitanti del luogo e i coloni, i quali, 70 in tutto, percorreranno 700 metri sventolando bandiere israeliane.

Il quartiere di Silwan ha già visto numerose azioni provocatorie da parte dei coloni e di elementi della polizia, ma i suoi abitanti sono sempre riusciti a fronteggiarli.

Le forze d'occupazione, in previsione di scontri e per proteggere l'incolumità dei coloni, avevano sempre evitato di concedere il premesso di tenere questo corteo.

Scontri a Silwan, Gerusalemme: proteste negate ai palestinesi, permesse ai coloni.

Fonti locali di Gerusalemme est hanno riportato ieri notizie di scontri avvenuti tra alcuni ragazzi palestinesi e i soldati israeliani a Silwan, cittadina nei pressi della capitale contesa.

Gli incidenti sono scoppiati quando un gruppo di coloni ebrei fondamentalisti ha condotto delle azioni provocatorie contro i palestinesi locali e le loro case.


I coloni hanno infatti dato l'assalto alle abitazioni e ai loro inquilini, che hanno risposto lanciando pietre e bottiglie vuote.

L'episodio, va ricordato, è accaduto martedì sera dopo che alcune forze dell'esercito israeliano sotto copertura hanno catturato tre giovani vicino a una tenda di protesta eretta nel quartiere di al-Bustan.

Una fonte della polizia israeliana ha inoltre affermato che due guardie di frontiera sono rimaste ferite negli scontri.

Hatem Abdul-Qader, responsabile della questione di Gerusalemme presso il movimento di Fatah, ha chiesto che vengano organizzate domani delle proteste e delle preghiere collettive nel quartiere di al-Bustan.

Ha quindi criticato aspramente la polizia israeliana per non aver concesso agli abitanti dell'area il permesso di condurre la protesta, mentre ai coloni viene lasciato campo libero per protestare [vedi sotto] e attaccare i residenti e le loro proprietà.

Al-Bustan è uno dei tanti quartieri palestinesi dove gli ebrei stanno occupando le case con la forza, mentre i tribunali israeliani concedono loro maggior potere per scacciare gli arabi, com'è accaduto nel caso dele appropriazioni illegali nel quartiere di Sheikh Jarrah.

Intanto, ai coloni ebrei è stato anche rilasciato un permesso per organizzare una dimostrazione domenica a Silwan, allo scopo di chiedere al governo d'intensificare le demolizioni di case palestinesi e di rimuovere gli arabi dalla cittadina per rimpiazzarli con i nuovi arrivati.

La polizia, confermando questa notizia, ha specificato che ai coloni verrà “fornita la protezione delle forze dell'ordine”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.