Colono investe palestinese. Altri danno fuoco a raccolti. La giustizia israeliana garantisce impunità alle gang sioniste

Betlemme. Fonti locali hanno reso noto che, ieri pomeriggio, coloni israeliani hanno investito un giovane palestinese, Ra'fat Suleiman, 25 anni, insegnante residente nel distretto di Betlemme.

Secondo quanto riferito da fonti mediche, l'uomo è stato travolto da un'auto israeliana mentre si trovava vicino alla scuola del villaggio di Khirbat ad-Deir, ed è stato ricoverato nella clinica di Beit Jala con diverse ferite.

Parallelamente, altri coloni hanno dato fuoco ai raccolti delle fattorie palestinesi situate nel villaggio di Husan, sempre a Betlemme, bruciando vasti appezzamenti di ulivi.

I vigili del fuoco sono accorsi per spegnere gli incendi, ma le gang di coloni dell'insediamento illegale di Betar Illit hanno ostacolato il loro lavoro, bloccando l'accesso all'area e provocando così una maggiore estensione dell'incendio. 

I raccolti di uva e olive sono rimasti danneggiati, soprattutto nella zona di Ein At-Taqa. Inoltre, diversi contadini che tentavano di domare il fuoco sono rimasti ustionati.

Ieri, un report diffuso dal gruppo estremista “Yesh Din”, evidenziava come il 90 per cento delle indagini avviate dalla polizia israeliana per gli attacchi dei coloni contro i contadini palestinesi viene archiviata per mancanza di “prove” o perché gli esecutori sono “sconosciuti”. Questo fenomeno incoraggia dunque la criminalità delle bande dei coloni che infestano i territori palestinesi occupati della Cisgiordania.

(Fonti: Pal.Info e Maan)
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.