Cs da Luisa Morgantini: Liberati i 6 attivisti per i diritti umani arrestati dall’esercito israeliano.

 

NEWS 

Luisa Morgantini,

Vice Presidente del Parlamento Europeo

LIBERATI I 6 ATTIVISTI PER I DIRITTI UMANI ARRESTATI DALL’ESERCITO ISRAELIANO PERCHE’ VOLEVANO PORTARE MEDICINE E GIOCATTOLI A GAZA VIA MARE

Luisa Morgantini e una delegazione della Campagna per la fine dell’assedio di Gaza (End the Siege) saranno a Bruxelles mercoledì 8 luglio e presenteranno all’Alto Rappresentante UE Solana le loro proteste


Roma, 7 luglio 2009


Finalmente Israele ha rilasciato ieri il Premio Nobel per la Pace Mairead Maguire, l’ex Congresswoman USA Cynthia McKinney e tutte e tutti gli attivisti del Movimento Free Gaza arrestati lo scorso 30 giugno mentre tentavano di introdurre medicine e giocattoli a Gaza via mare, e sono stati bloccati dalla marina militare israeliana che, minacciando il fuoco, ha abbordato con forza la nave e l’ha confiscata.


Una delegazione di membri di Parlamenti Europei e attivisti della Campagna End the Siege per la fine dell’assedio di Gaza incontreranno domani mercoledì 8 luglio alle ore 11 l’Alto Rappresentante per gli Affari Esteri dell’UE Javier Solana per reiterare la richiesta –che arriva da ONG e organizzazioni per diritti umani di tutto il mondo, nonché da risoluzioni del Parlamento Europeo- di rompere l’assedio di Gaza e di costringere Israele ad aprire i confini al passaggio di persone e merci. La delegazione denuncerà anche il caso di SPIRIT OF HUMANITY –la nave che voleva consegnare beni per l’assistenza umanitaria alla gente di Gaza- e protesterà contro il sequestro della barca e dei 21 membri dell’equipaggio da parte della marina Israeliana in violazione con il diritto internazionale.

 

La delegazione accuserà ancora una volta la mancanza di legalità e di umanità dimostrata dalle Autorità israeliane impedendo l’ingresso di medicine e giocattoli a Gaza, arrestando e sequestrando difensori dei diritti umani e giornalisti, e anche negando al Premio Nobel per la Pace Mairead Maguire –arrivata oggi in Irlanda- di poter avere le sue medicine durante la detenzione: lo stesso o probabilmente peggio succede ai circa 11.000 prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane- molti senza aver sostenuto un processo- e ancora peggio capita certamente alla popolazione di Gaza, punita collettivamente e a cui, a causa dell’assedio, sono negati persino i più basilari bisogni, come denunciato in un’intervista dalla prigione israeliana da Mairead Maguire.


“Siamo stati arrestati e vogliamo che il mondo intero veda come ci hanno trattato solo perché volevamo portare assistenza umanitaria alla gente di Gaza; come posso essere finita in prigione per aver raccolto matite per bambini?” si è chiesta l’ex Congresswoman USA Cynthia McKinney dalla sua cella nella prigione di Ramle.

 

Legalità e dignità umana devono essere sempre e ovunque rispettate: Israele deve smetterla con le sue politiche illegali. L’assedio disumano alla Striscia di Gaza deve immediatamente finire, così come deve finire ogni attività di espansione di colonie nella Cisgiordania e l’occupazione militare Israeliana: questa è la sola via per poter raggiungere una soluzione giusta e pacifica nella regione.

La delegazione, che incontrerà l’Alto Rappresentante per gli Affari Esteri dell’UE Javier Solana, sarà inamovibile nelle sue richieste.

Info: Luisa Morgantini, +39 348 39 21 465; +39 06 69 95 02 17

luisa.morgantini@europarl.europa.eu; www.luisamorgantini.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.