Decine di feriti nelle manifestazioni contro Muro e colonie nella Cisgiordania occupata

Ramallah – InfoPal. Decine di manifestanti palestinesi e attivisti della solidarietà internazionali sono rimasti feriti nel corso delle proteste settimanali di venerdì in Cisgiordania.

I militari israeliani hanno utilizzato gas lacrimogeni e proiettili per sedare le proteste contro il Muro d'Apartheid e le illegali colonie israeliane nei Territori palestinesi occupati.

Anche ieri, le marce hanno avuto inizio dopo la preghiera del venerdì e hanno interessato varie zone della Cisgiordnaia occupata.

Mohammed Brijiyah, portavoce del comitato popolare contro Muro e colonie per Betlemme, ha riferito: “Numerosi manifestanti sono rimasti intossicati, i casi più gravi sono una decina. Altri partecipanti hanno riportato lividi e contusioni da colpi di manganello”.

Nel villaggio di Bil'in, a decine sono rimasti intossicati dai gas lacrimogeni, o sono stati raggiunti dai proiettili di acciaio, sebbene rivestiti di gomma. Qui soldati hanno usato anche bombe assordanti per allontanare i manifestanti.

Anche a Kafr Qaddoum, un palestinese e un attivista internazionale sono stati feriti dalle forze d'occupazione israeliane nel corso della marcia che settimanalmente si organizza in protesta alla chiusura permanente dell'accesso stradale principale al villaggio palestinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.