Democrazia by Usa/UE: il 'moderato' Abbas sta lavorando alla militarizzazione della giustizia palestinese e alla violazione delle libertà civili.


Un’associazione palestinese per la tutela dei diritti umani ha espresso profonda
preoccupazione verso il nuovo decreto presidenziale riguardante l’applicazione della
giustizia militare nei casi di "emergenza", come quello attuale, e sulla violazione del ruolo della giustizia ordinaria palestinese a favore di quella
militare.

L’associazione ritiene che questo decreto sia il
più pericoloso tra quelli emessi nell’ambito del governo di emergenza, che
stia preparando il terreno per distruggere l’autorità giudiziaria e la vita civile per
militarizzare la comunità palestinese, ostacolare l’applicazione della
costituzione e ridurre le libertà e rafforzare una dittatura
militare
.

Il primo articolo di questo decreto emesso il 6/7/2007
decreta di allargare il potere militare in modo che comprenda i "crimini contro la sicurezza sociale"
:

1) contro i responsabili, i dipendenti
dell’Autorità Nazionale palestinese e i suoi organismi e proprietà

2) contro la sicurezza sociale e interna

3) contro le
forze di sicurezza palestinesi e i suoi membri.

In questo modo si vìolano i
poteri di competenza della giustizia ordinaria (civile e penale)
.

Per rendere accettabile
il pericoloso decreto, l’art. 3 sancisce la sospensione del 2°
paragrafo dell’art. 101 della Legge base che prevede la
formazione di tribunali militari che "devono rimanere nell’ambito militare".

Il 1° paragrafo del 2° articolo recita: "Il
tribunale militare assume la responsabilità del tribunale civile". Ciò implica la distruzione della giustizia e dei compiti del procuratore
generale
.

Per far passare questo "golpe contro la giustizia", l’articolo 3 del decreto presidenziale decreta la sospensione del 2°paragrafo dell’art. 107 della Legge base
che così recita: "Il procuratore generale assume la difesa a nome del popolo
palestinese. La legge delimita i compiti del procuratore e i suoi doveri".

L’associazione dichiara di essere
meravigliata della distruzione della Legge palestinese e ha invitato il presidente Mahmoud Abbas ad annullare questo decreto e a rivedere anche tutti quelli emessi
dopo il 14/6/2007.

E ha
precisato che l’art. 7 della Legge base non dà
poteri
illimitati
al presidente e impedisce che l’Autorità possa
prendere il controllo del legislativo e della
giustizia.

Anche in
caso di emergenza, il presidente non ha i poteri per ostacolare, modificare o
toccare la Legge base. I poteri che il presidente Abbas arroga a
se stesso, in modo da cambiare gli articoli della costituzione, rappresentano la distruzione delle
strutture del potere palestinese
.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.