Detenuto palestinese deportato in Malesia

Ramallah – InfoPal. Il centro studi sui prigionieri “Ahrar” ha denunciato l'ultima violazione delle autorità carcerarie israeliane.

Israele ha deciso di deportare fuori dalla Palestina Maher 'Abdallah 'Odeh, palestinese di 48 anni, residente nel villaggio di 'Ein Yabrud, a nord di Ramallah.

La comunicazione alla moglie è stata data a deportazione avvenuta in Malesia.

Questo è quanto si erano promesse di fare le autorità israeliane sin dal suo arresto, il 14 marzo 2010, dopo otto anni di ricerche.
“Scegli, o l'ergastolo o la deportazione”, era stato detto più volte al leader di Hamas nel corso della detenzione, durante la quale è stato anche sottoposto a quasi due mesi di tortura continuativa.

Le deportazioni sono vietate dal diritto internazionale che dispone che la potenza occupante deve detenere i prigionieri all'interno del territorio che occupa (art 76, IV Convenzione di Ginevra).

(Foto: Ahrar).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.