Dirigenti israeliani: Shalit è il prezzo per il riconoscimento del governo palestinese.

 

Un responsabile israeliano, che ha voluto mantenere l’anonimato, ha dichiarato: "Israele sarà pronta a collaborare con il governo palestinese di unità nazionale quando verrà liberato il soldato Jilad Shalit sequestrato e quando verrà fermato il lancio di missili dalla Striscia di Gaza".

Il responsabile ha aggiunto: "Se il nuovo governo garantirà una rapida e positiva conclusione del caso Shalit e metterà fine al lancio di missili dalla Striscia, Israele assumerà una posizione pragmatica che permetterà la collaborazione".

Un altro responsabile israeliano, che ha chiesto di rimanere anonimo, ha invece affermato che: "Israele sta compiendo grandi sforzi per convincere la comunità internazionale a non riconoscere questo governo".

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.