Dopo i fatti di Yarmuk, Unrwa chiede la protezione internazionale dei profughi palestinesi

New York – InfoPal. L'Agenzia Onu per i Rifugiati, l'Unrwa, ha chiesto alla comunità internazionale di farsi garante della protezione dei profughi palestinesi in Siria.
L'appello è seguito agli eventi nel campo profughi palestinese “Yarmuk“, nella capitale siriana.

Lunedì 6 giugno, uomini della sicurezza hanno aperto il fuoco contro la folla di manifestanti, uccidendo almeno quattro persone.

E' Filippo Grandi, Commissario generale Unrwa, a chiedere personalmente che “s'intensifichino gli sforzi verso una soluzione giusta, ovvero basata sulle risoluzioni Onu”, tra le quali, si ricorda la 194 (dicembre 1948) con cui si sancisce il Diritto al Ritorno dei profughi palestinesi espulsi con la violenza dalle proprie case e dalla Palestina dalle bande armate sioniste, poi diventate l'esercito di Israele.

“I palestinesi continuano a rappresentare il ventre molle nella regione, essi sono vulnerabili agli attacchi da parte di altre componenti nazionali”, ha aggiunto Grandi, che ha tenuto a specificare il principio di “sacralità della vita umana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.