Erdoğan: ‘Israele detiene bombe atomiche. Minaccia per il MO’

PressTv. Il premier turco Recep Tayyip Erdoğan ha rivolto al regime israeliano l'accusa della responsabilità di “atti di terrorismo di Stato”, insistendo in tal modo sulla tesi secondo la quale “Tel Aviv è una minaccia per la regione dal momento che è in possesso di armi nucleari”.

“In questo momento credo che Israele sia una minaccia per la regione, perché è in possesso della bomba atomica”, ha specificato Erdoğan su “Anatolia news agency”, su cui sono state riportate le dichiarazioni, rilasciate nel corso della sua visita di ieri in Sudafrica.

Lo scorso mese, invece, il primo ministro turco aveva affermato che “la tendenza dell'Occidente rispetto all'affare dell'arsenale nucleare israeliano è quella “del doppio standard'”.

In un'intervista rilasciata alla CNN, Erdoğan aveva spiegato che in Medio Oriente, Israele è il solo paese a detenere armi nucleari. In quell'occasione aveva chiesto: “Come mai quei Paesi che proibiscono all'Iran di sviluppare e avere armi nucleari, non fanno lo stesso con Israele?”

E' stato riportato che Israele detiene circa 20 testate nucleari ed è opinione comune che sia il solo nella regione ad essere in possesso di armi nucleari.

Le relazioni tra Israele ed Ankara sono venute meno in seguito al raid omicida israeliano contro la Freedom Flotilla 1, nel maggio 2010.
La missione internazionale aggredita in quell'occasione avrebbe dovuto raggiungere la Striscia di Gaza assediata per rompere il blocco. Nove attivisti turchi furono assassinati e a decine feriti dai commando israeliani.

Israele si rifiuta di porre scuse formali alla Turchia per quell'omicidio e, prontamente, Ankara aveva risposto con l'espulsione dell'ambasciatore israeliano e con la rescissione di tutte le relazioni bilaterali in materia militare che stringeva con Israele.

Articolo correlato:

http://english.aljazeera.net/news/middleeast/2011/10/2011105153335851248.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.