Freedom Flotilla: gli avvocati delle vittime chiedono giustizia alla Corte dell’Aja

 

L'Aja – Pal-Info. Gli avvocati che difendono le vittime della Mavi Marmara hanno deciso di portare il caso alla Corte criminale internazionale (Icc), sostenendo che l'occupazione israeliana non deve sfuggire alla giusta condanna per il crimine che ha commesso contro gli attivisti turchi.

Ramadhan Ariturk, uno degli avvocati delle nove vittime turche, ha infatti riferito che lui e i suoi colleghi hanno inviato una lettera al procuratore della Icc Luis Ocampo, e che esistono sufficienti prove per accusare le autorità israeliane di aver commesso un massacro a bordo della nave umanitaria.

“Mio figlio è rimasto ucciso, ma gli autori di questo crimine sono ancora in libertà (…) Bisogna dar loro la caccia e portarli davanti alla giustizia”, ha affermato Ahmet Dougan, padre di Furkan, il 19enne ucciso durante il raid israeliano.

Ahmet, secondo le sue stesse parole, è venuto all'Aja non solo per il caso di suo figlio, ma per il bene di tutte le vittime.

L'organizzazione umanitaria turca Ihh, che sponsorizzava la Mavi Marmara, ha promesso che farà tutto quel che è in suo potere perché i leader israeliani vengano processati per la strage davanti ai tribunali internazionali.

“A bordo della nave furono effettivamente commessi crimini contro l'umanità per mano dei soldati israeliani, e quindi il procuratore Cci dovrebbe esaminare il caso seriamente”, ha commentato uno degli avvocati durante una conferenza stampa.

L'avvocato ha inoltre aggiunto che alle famiglie delle vittime interessa solo che giustizia sia fatta, sottolineando che è ora che la comunità internazionale non tratti più Israele come uno “Stato” al di sopra della legge.

Oltre a questo, lo stesso legale ha spiegato che non ha importanza se lo Stato sionista non ha sottoscritto l'accordo di Roma, dato che la Icc ha la facoltà di occuparsi di un crimine di guerra dovunque sia stato commesso nel mondo.

Nonostante questo, l'avvocato ha rivelato che Ocampo, che pure non ha rilasciato nessun commento, aprirà un'indagine preliminare che potrebbe durare anche un anno.

Articoli collegati:

http://infopal.it/leggi.php?id=16195

https://www.infopal.it/leggi.php?id=16172

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.