Gerusalemme: l'Organizzazione della Conferenza islamica stanzierà 30 milioni di dollari per sostenere i diritti dei palestinesi

Il Cairo – Infopal. L'Agenzia 'Bayt mal al-Quds' ha annunciato il lancio di una campagna per il sostegno finanziario ai palestinesi gerosolimitani: per sventare il rischio della loro espulsione e contrastare il processo di ebraicizzazione di al-Quds (Gerusalemme).

Mohammed as-Sharkawi, direttore del dipartimento per l'informazione dell'agenzia promotrice del progetto, organo della Conferenza islamica ha esposto i dettagli l'organizzazione in una conferenza stampa svoltasi ieri, 6 settembre a Il Cairo.

2,6 milioni di dollari erano stati investiti nel 2008, nel 2009 ne sono stati assegnati 5,7 milioni mentre, per il 2010 sono stati stanziati 12 milioni di dollari con l'obiettivo di arrivare a 30 milioni nel 2011.

As-Sharkawi fa sapere che l'Arabia Saudita ha avuto il primato delle donazioni e ha tenuto a specificare che i proventi risalgono alle istituzioni islamiche e arabe, confluiti interamente nell'Organizzazione della Conferenza islamica che ne sarà l'esecutrice materiale.

La strategia si estende dal 2006 al 2014 e, puntualizza il responsabile dell'informazione che non si hanno di obiettivi politici ma sociali perché il popolo palestinese possa restare sulla propria terra, nella propria città d'origine, Gerusalemme.

Tra i progetti esposti in conferenza stampa, l'acquisto di un immobile destinato al Waqf (Fondazioni pie) di Gerusalemme e il ripristino materiale e funzionale di sei scuole nel campo profughi di Shu'fat, nell'area di Wadi aj-Joz e in altre zone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.