Il capo della colonia di Kiriyat Arba’ incita a uccidere un ex detenuto palestinese

Al-Khalil (Hebron) – InfoPal. Era stata divulgata a pochi giorni dall'implementazione della prima fase dei rilasci, il 18 ottobre scorso, la notizia della taglia di 100mila dollari per chi avesse assassinato i due ex detenuti palestinesi: Khiulad Ramadan 'Abdel Jalil e Nizzar Ramadan Taisir, rispettivamente deportati a Gaza e in Turchia.

Minaccia e incitamento contro ex detenuti palestinesi provengono questa volta da al-Khalil (Hebron) dove, sebbene i coloni israeliani avessero già provveduto ad affiggere il comunicato, oggi, giunge l'appello di Bentzi Gupshtain, a capo del consiglio dell'insediamento di Kiriyat Arba', il quale chiede l'uccisione di Hani Rasmi Jaber, palestinese rilasciato con l'accordo di scambio dopo 18 anni di carcere in Israele.

Per Bentzi Gupshtain, “Jaber può stare tranquillo che non dormirà sonni tranquilli”.

“Il luogo di maggior sicurezza per lui è la prigione, e comunque la sua uccisione è lecita stando alla dottrina ebraica”.

Jaber ha tuttavia affermato di non essere turbato dalle minacce che ogni giorno affrontano i palestinesi di Hebron, dai bambini nel proprio percorso verso la scuola e tutti i cittadini palestinesi nella vita quotidiana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.