Il Clp chiede al Parlamento francese di abrogare la legge sul 'velo'

Gaza – InfoPal. Il Consiglio legislativo palestinese (Clp) ha invitato l'Assemblea nazionale di Francia ad abrogare la legge che vieta il niqab [il velo che copre il volto delle donne che lo indossano, ndr] e il burqa' nei luoghi pubblici, approvata in fretta dalle due sezioni del Parlamento francese dopo aver esposto la materia alla Corte Costituzionale, poiché tale legge “in base al diritto internazionale e ai diritti dell'uomo, rappresenta un crimine di Stato”.

Ahmad Bahr, vicepresidente del Clp, ha dichiarato ieri da Gaza che “il Parlamento francese è il primo al mondo a votare una legge così 'razzista' che contravviene a tutti gli accordi e le convenzioni internazionali in materia di difesa dei diritti e delle libertà dell'uomo, in specie per quanto concerne la pratica religiosa, e rappresenta inoltre una violazione sia delle norme europee sui diritti umani sia dei principi stessi della Costituzione francese.

Quanto all'invito del reverendo Jones a bruciare copie del Corano, seguito da alcuni coloni ieri ad al-Quds (Gerusalemme), Bahr ha detto che “si tratta di una 'estensione' della decisione del Parlamento francese sul divieto di indossare il niqab”.

Questa decisione francese – inoltre, sempre secondo il Clp – va contro i principi islamici e i sentimenti di tutti i musulmani del mondo, ed è una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali.

Egli, pertanto, ha chiesto al Tribunale europeo dei diritti dell'uomo di “condannare il Parlamento francese per questa legge 'razzista' contraria alle stesse norme europee sui diritti dell'uomo”. E si è inoltre rivolto alla Corte Costituzionale francese affinché si pronunci sull'incostituzionalità di questa legge che calpesta i basilari principi della Costituzione.

Bahr ha poi sottolineato la necessità che il Consiglio dei diritti umani presso l'Onu indica una seduta straordinaria per “chiedere alla Francia, sia a livello parlamentare che governativo, di abrogare questa legge e di rispettare le libertà religiose di tutti i cittadini, senza alcuna distinzione”.

Il Clp fa appello infine ai parlamenti dei paesi arabi ed islamici, ma anche a tutti gli altri, “affinché si assumano la loro responsabilità verso questo 'crimine di Stato', operando le opportune pressioni sul Parlamento francese in modo da costringerlo ad abrogare questa legge 'razzista'”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.