Insegnante palestinese non percepisce lo stipendio per ‘ragioni politiche’

Qalqiliya – Ma'an. Un'insegnante palestinese in Cisgiordania ha raccontato di non percepire lo stipendo da quattro anni. Il ministro delle finanze dell'Autorità palestinese (Anp) ha sospeso il pagamento del suo stipendo per motivazioni di ordine politico.

La prima scoperta è stata fatta da Hadiyya Daoud nel 2008.

Le è stato detto che la decisione scaturiva dalla sua affiliazione ad Hamas, sebbene l'insegnante neghi la relazione. Tuttavia, nemmeno dopo aver dichiarato la propria estraneità al Movimento di resistenza islamica, ha ricevuto lo stipendio.

Bassam Na'im, membro del sindacato dei docenti, ha parlato delle decine di impiegati che vengono trasferiti oppure licenziati per ragioni politiche. Tuttavia il caso di Hadiyya resta unico perché le viene negato lo stipendio, senza licenziarla.
Il sindacato sta seguendo il caso.

Hadiyya stessa si è appellata al presidente Mahmoud 'Abbas e al premier di Ramallah, Salam Fayyad.

Tra le altre cose, “lo stipendo è l'unica fonte di reddito per me, mia madre e le mie sorelle”, ha confidato l'insegnante palestinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.