Invasione parziale dell'esercito israeliano a nord e a sud della Striscia di Gaza.

Gaza – Infopal

Questa mattina, l’esercito israeliano ha invaso la Striscia di Gaza da nord e da sud.

La popolazione della Striscia teme che questi assalti giornalieri, di dimensioni ridotte, possano essere il preludio di un’aggressione massiccia e totale, nel prossimo futuro.

Forze speciali israeliane coperte dall’aviazione e supportate da bulldozer hanno attaccato l’area di Al-Farta, a ovest di Beit Hanoun, nella Striscia settentrionale.

Decine di palestinesi sono stati sequestrati. I bulldozer hanno distrutto terreni agricoli. Molte abitazioni sono state trasformate in postazioni militari.

Un adolescente palestinese, Ali Kafarneh, è stato ferito allo stomaco da un proiettile sparato da militari israeliani a Beit Hanoun. Il ragazzo è ora ricoverato all’ospedale Ash-Shifa, in gravi condizioni.

Sempre questa mattina, veicoli militari israeliani e forze speciali hanno invaso la zona di Shawka, a Rafah, nel sud della Striscia.

Contemporaneamente, la marina militare ha distrutto molti stabilimenti balneari sulla spiaggia di Gaza e ha bombardato l’area di Beit Lahiya.

Le Brigate della resistenza palestinese

Le Brigate Al-Quds, ala militare del Jihad islamico, hanno rivendicato la responsabilità dell’attacco contro una pattuglia israeliana, a Beit Hanoun. I combattenti hanno lanciato due mine da 30 kg. contro la formazione israeliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.