Israele estende di un anno l’isolamento di Sa’daat

Ramallah – Pal-Info. L'organizzazione per i diritti umani dei detenuti “Ad-Damir”, ha reso noto che un tribunale israeliano ha deciso di prolungare la detenzione in isolamento in carcere del Segretario generale del Fronte popolare per la liberazione della Palestina (Fplp), Ahmad Sa'daat, per un anno intero. La decisione si fonda su informazioni di natura confidenziale presentate dallo Shabak, l'Intelligence israeliana interna.

In un comunicato di Ad-Damir, si afferma: “Il materiale segreto dello Shabak era stato redatto lo scorso agosto, il che significa che la decisione era stata presa prima che Sa'daat proclamasse lo sciopero della fame.

“Inoltre, con questa proroga, la corte israeliana abroga l'impegno assunto dall'amministrazione carceraria israeliana per porre fine alle detenzione in isolamento, insieme alla promessa di accogliere tutte le richieste dei detenuti, contro la fine dello sciopero della fame, giunto al suo 22° giorno. Questo comportamento da parte israeliana dimostra che si trattava solo di un trucco per far cessare lo sciopero”.

Con questa decisione, Sa'daat – già in precarie condizioni di salute – verrà isolato completamente dal resto mondo, e sarà detenuto in condizioni disumane.

Ad-Damir chiede di arrestare la politica degli isolamenti praticata contro i detenuti politici palestinesi nelle carceri israeliane.

Da metà marzo 2009, al leader palestinese Israele impone il divieto assoluto di ricevere visite da familiari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.