La scomparsa di Nahid ar-Ris

Gaza – Infopal. A mezzogiorno del 13 aprile, dopo una lunga malattia, si è spento a 73 anni Nahid Munir ar-Ris, ex ministro della Giustizia dell'ANP e rappresentante nel Consiglio Legislativo palestinese.

Ar-Ris apparteneva ad una celebre famiglia di Gaza. Suo padre fu sindaco di Gaza negli anni Sessanta.

Nahid era nato il 14 ottobre del 1937. Finì le scuole superiori a Gaza, poi si trasferì al Cairo per studiare Legge, dove partecipò alla fondazione dell'Unione generale degli Studenti palestinesi.

Esercitò la professione giuridica sia come parlamentare che come giudice a Gaza, in particolare nella magistratura militare dell'OLP. Egli infatti aveva anche compiuto studi militari, diplomandosi presso la Scuola ufficiali riservisti in Egitto. Poi attese a vari compiti importanti nel quadro della lotta di liberazione palestinese.

 

Venne influenzato in gioventù dal pensiero ba'thista e nazionalista, aderendo a Fatah, diventandone membro del Consiglio rivoluzionario, dove restò fino al suo ultimo congresso tenutosi a Betlemme nel 2009.

Ma dovette lasciare forzatamente la Striscia di Gaza nel 1967, quando Israele occupò la Cisgiordania e la stessa Gaza. Un esilio durato 27 anni, durante il quale ha lavorato con Khalil al-Wazir (Abu Jihad), vicepresidente di Fatah, quando era noto col nome de “il settore occidentale”, responsabile delle operazioni dei Fedayn a Gaza dal 1973 fino allo scoppio della prima Intifada nel 1987. Egli lavorò inoltre con Abu Karas, “Abu al-Mundhir”, membro del Comitato centrale di Fatah.

Nel 1994, con la fondazione dell'ANP, ar-Ris fa ritorno a Gaza, candidandosi con successo per Fatah alle elezioni legislative del 1996. In seguito i parlamentari lo elessero alla presidenza del Consiglio stesso e secondo vice del presidente Ahmed Qurei'.

Con la formazione del primo governo palestinese presieduto da Ahmed Qurei', all'epoca del defunto presidente Yaser Arafat, nel 1999 gli venne affidato il ministero della Giustizia, per poi essere nominato presidente del Consiglio Superiore della Magistratura dell'ANP.

Nel 2006 si candidò come “indipendente” alle seconde elezioni legislative a cui partecipò per la prima volta anche Hamas, nelle quali però questa volta non ebbe fortuna.

Dopo la spaccatura tra i palestinesi dell'estate 2007, appoggiò Hamas e il governo di unità nazionale, con numerose dichiarazioni pubbliche ed articoli di giornale.

Scrisse inoltre numerose opere in poesia e in prosa, per grandi e piccoli, nonché centinaia di articoli per importanti giornali palestinesi ed arabi. Alcune sue poesie e inni sono stati messi in musica e trasmessi sia in tv che alla radio. Era padre di quattro maschi e tre femmine.

'Abd el-Ghani ash-Shami

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.