La vera ragione dell’assedio: Israele avvia la perforazione del gas naturale al largo del mare di Gaza

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. Il ministro per le Infrastrutture israeliano ha lanciato l'avvio dei lavori di perforazione di giacimenti di gas naturale al largo delle coste di Gaza.

La stima del giacimento ammonta a oltre un miliardo e 200 milioni di metri cubi di gas naturale.

Dimitri Daliani, membro del Consiglio di Fatah, lo ha definito “un furto delle risorse naturali di Gaza” e ha chiesto alle organizzazioni internazionali competenti di intervenire a tutela della sovranità palestinese sulle proprie risorse naturali.

Al di là della propaganda israeliana di questi anni, che giustifica l'assedio alla Striscia di Gaza con motivazione di natura “politica” e militare “anti-terrorismo”, quelle economiche e strategiche sembrano le vere ragioni alla base dell'illegale blocco alla regione.

Per ulteriori approfondimenti, leggere: “Il gas di Gaza“.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.