Le brigate al-Aqsa rivendicano l’attentato di Dimona.

Ramallah – Infopal

Le brigate dei Martiri di al-Aqsa, ala militare del movimento di Fatah, hanno rivendicato ufficialmente l’attentato di questa mattina in un centro commerciale nella città di Dimona, in Israele. Nell’attacco sono morti i due esecutori.

In un comunicato stampa, le brigate hanno scritto che i due attentatori "sono partiti dalla città di Ramallah, dalla Muqata’a del leader-simbolo Yaser Arafat e del leader- simbolo Mahmud Abbas per colpire i troni dei criminali israeliani, in risposta ai crimini dell’occupazione in Cisgiordania e Striscia di Gaza".

E hanno rivelato le identità dei due kamikaze: Raji Hasan al-Kilani (25 anni) e Ayman Ramzi al-Hadadin (24 anni).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.