L’Egitto ha autorizzato il transito di ‘Lifeline3’ verso la Striscia, ma senza le vetture contestate.

Al-Arish – Egitto. Il braccio di ferro tra i capi del convoglio “Lifeline 3” e le autorità egiziane sulle vetture a cui è stato vietato l'ingresso a Gaza è giunta al termine con un accordo che prevede la loro spedizione, via mare, ai campi profughi palestinesi in Libano e Siria.

Zaher al-Berawi, portavoce del Convoglio, in una dichiarazione a “Quds Press”, ha fatto sapere che il governo egiziano ha liberato i sette membri del convoglio fermati ieri, martedì 5 gennaio, a seguito degli scontri con le forze di sicurezza egiziane, e ha aggiunto che è stato raggiunto un accordo finale per il transito del Convoglio da al-Arish a Rafah e poi a Gaza.

“Ci dirigeremo verso Gaza – ha dichiarato al-Berawi -, dopo che saranno rilasciati i sette membri del convoglio e che i feriti ricoverati negli ospedali egiziani questa mattina saranno dimessi. Quanto alle vetture a cui le autorità egiziane hanno vietato l'ingresso nella Striscia di Gaza, saranno spedite da una ditta turca verso i campi profughi palestinesi in Libano e Siria”.

Notizie correlate:

Confine tra Striscia di Gaza e Egitto: scontri tra palestinesi e forze egiziane.

Agenti anti-sommossa e idranti contro il Convoglio Lifeline. Feriti 40 attivisti.

Mediazione turca per facilitare il passaggio di 'Lifeline' da al-Arish alla Striscia di Gaza.

Organizzazioni europee invitano a manifestare davanti alle ambasciate egiziane contro l'aggressione del convoglio 'Life Line 3'.

Lifeline -3 è a el-Arish in attesa di entrare a Gaza.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.