Manifestazioni per Gaza.

 

 

 

Da Associazione dei Palestinesi in Italia (API)
LE FOTO DELLA MANIIFESTAZIONE CON GAZA
3 GENNAIO 2009
Più di 10.000 manifestanti in corteo per le strade di Milano hanno gridato slogan per Gaza e contro il  massacro in corso.

…………..

Cr*,

Migliaia di persone in tutta Europa hanno manifestato oggi per protestare
contro i bombardamenti israeliani a Gaza. Cortei si sono svolti anche in
Italia, a Milano e Roma.

– GRAN BRETAGNA: A Londra il corteo piu’ imponente, 50mila persone secondo
gli organizzatori, 5-6mila secondo la polizia, in una delle piu’ importanti
manifestazioni dai tempi di quelle contro la guerra in Iraq. I manifestanti
hanno lanciato scarpe contro la griglia metallica che impedisce l’accesso a
Downing Street, per protestare contro l’atteggiamento del governo
britannico. Tra i partecipanti l’ex cantante degli Eurythmics Annie Lennox e
l’ex sindaco di Londra Ken Livingstone. Cortei sono in programma a
Manchester e Glasgow.

– FRANCIA: A Parigi, migliaia di persone, 21 mila secondo la polizia, 25
mila per gli organizzatori, hanno sfilato nel pomeriggio. Tra i
manifestanti, anche Marie-George Buffet, segretario del Partito comunista
francese (Pcf), e il leader della Lega comunista rivoluzionaria (Lcr),
Olivier Besancenot. Manifestazioni si sono svolte anche a Lione (da 8 a 15
mila persone), Marsiglia (almeno tremila) e Tolosa.

– GERMANIA: A Berlino, sono scese in piazza 7.500 persone, 4 mila a
Dusseldorf, nell’ovest del Paese.

– GRECIA: Migliaia in piazza ad Atene e Salonicco. Nella capitale circa
3.000 persone hanno sfilato fino all’ambasciata israeliana, dove tafferugli
sono scoppiati fra dimostranti e polizia, che ha disperso la folla con
lacrimogeni.

– SPAGNA: A Madrid oltre un migliaio in piazza. I manifestanti, in gran
parte arabi, hanno dato vita ad un corteo spontaneo prima di un raduno
davanti al ministero degli Esteri. Decine di intellettuali e artisti, tra
cui l’attore Javier Bardem, hanno condannato i raid israeliani in un
comunicato.

– OLANDA: Ad Amsterdam, i manifestanti, cinquemila secondo gli
organizzatori, 1500 secondo la polizia, portavano striscioni in cui si
invitava a boicottare i prodotti israeliani.

– AUSTRIA: Piu’ di 2.300 persone hanno sfilato nel centro di Salisburgo
(ovest del Paese), in una manifestazione organizzata dalla comunita’
musulmana locale. Ieri, almeno cinquemila dimostranti hanno sfilato nelle
vie della capitale Vienna.

ROMA, SVASTICA E STELLA DAVID SU BANDIERE USA Alcuni manifestanti che stanno
sfilando nel corteo romano contro ”il massacro dei palestinesi”,
sventolano bandiere degli Stati Uniti con sopra disegnate una svastica e una
stella di David. Tra gli slogan intonati nel corso della manifestazione da
rappresentanti delle comunita’ palestinese e filopalestinesi a Roma, tra cui
anche alcune donne con il velo, ”Giu’ le mani dai bambini”, ”Bush-Barack
assassini” e ”Intifada fino alla vittoria”. Tra le immagini portate in
corteo, ci sono molte fotografie di bambini e donne feriti a Gaza. Il
corteo, a cui partecipa qualche migliaio di persone, e’ andato oltre piazza
Barberini, dove doveva concludersi, per proseguire, scortato dalle forze
dell’ordine, verso piazza del Popolo.

TORINO, UOVA CONTRO SEDE ITALIA-ISRAELE Uova contro la sede
dell’associazione Italia-Israele, a Torino. Le hanno lanciate alcuni
manifestanti che partecipano al corteo organizzato per protestare contro
l’intervento militare nella striscia di Gaza. Alla manifestazione, scandita
dal grido ”Israele assassino”, partecipano molti immigrati di origine
araba, compreso un gruppo di donne che sfilano con un loro striscione. Il
corteo, che davanti al municipio del capoluogo piemontese ha osservato un
minuto di silenzio, sta ora proseguendo per le vie del centro. Gli
organizzatori intendono raggiungere la sede della Rai.

IN 4000 A VICENZA PER GRIDARE ‘STOP AL MASSACRO’ Si e’ conclusa poco dopo le
17, al termine di un corteo che ha attraversato alcune delle arterie
principali di Vicenza, la manifestazione di protesta contro Israele. Secondo
gli organizzatori del movimento ‘Comunisti Italiani’, i partecipanti
sarebbero stati circa 5.000, mentre secondo le stime della questura tra i
3.500 e i 4.000. Forte la presenza di stranieri, circa l’80% dei
partecipanti, provenienti da tutto il Veneto. Il corteo, sfilato al grido di
”assassini, assassini”, e’ stato tenuto sotto controllo da un massiccio
dispiegamento di forze dell’ordine e dal servizio predisposto dagli
organizzatori. Decine gli striscioni esposti dai manifestanti: ”Fermiano il
massacro di Gaza”, ”Quanti morti ci vogliono per fermarli?”, ‘Uno Stato
libero per i Palestinesi” e ‘Gaza libera, comunque intifada fino alla
vittoria’. Alcuni cartelli riportavano gigantografie di massacri,
bombardamenti, distruzioni e morti.

PRESIDIO IN PIAZZA A TRENTO PER STOP A VIOLENZA Un presidio di protesta
contro le violenze in corso nella Striscia di Gaza si e’ tenuto nel
pomeriggio a Trento, nella piazza del Duomo. Attivisti del Centro Sociale
Bruno con striscioni, esponenti di partiti della sinistra radicale e una
maggioranza di immigrati, hanno lanciato slogan chiedendo di fermare gli
scontri e in solidarieta’ al popolo palestinese. Il presidio e’ stato
organizzato dal Centro sociale Bruno, con l’adesione del partito dei
Comunisti italiani, federazione Trentino Alto Adige, presente gia’ in
mattinata a Pergine, con bandiere e volantini, per un’analoga
manifestazione. ”Ci siamo – ha annunciato il Centro Bruno in una nota –
perche’ centinaia e centinaia di morti in pochi giorni ci raccontano che
Israele sta commettendo dei crimini di guerra bombardando abitazioni,
scuole, moschee. Ci siamo, perche’ dalla costruzione del muro della
vergogna, voluto dal governo israeliano, i territori palestinesi in
Cisgiordania subiscono uno stato di vera e propria apartheid”.

BOLOGNA, PREGHIERA DAVANTI A SAN PETRONIO Un migliaio di persone, in
maggioranza stranieri, hanno manifestato a Bologna in favore della
Palestina, per protestare contro i bombardamenti nella striscia di Gaza. I
manifestanti si sono concentrati in piazza del Nettuno, poi hanno sfilato
per le strade intorno al Comune, quindi hanno concluso la manifestazione
pregando, tutti insieme, davanti alla Basilica di San Petronio in piazza
Maggiore. Il corteo era aperto dai bambini, per sottolineare,
simbolicamente, che i bombardamenti israeliani mietono anche vittime
innocenti. Durante la manifestazione sono stati scanditi slogan come
‘Palestina libera’ e ‘Da Bologna a Gaza, resistenza resistenza’.
All’iniziativa hanno aderito anche alcuni centri sociali della citta’,
l’Rdb-Cub e alcuni esponenti di Rifondazione comunista. Durante il corteo e’
stata bruciata anche una bandiera di Israele e sono stati esposti striscioni
anti-israeliani (con la stella di David equiparata alla svastica). La
manifestazione si e’ fermata per alcuni minuti davanti alla Prefettura, per
chiedere un’intervento del Governo italiano per la soluzione della questione
mediorientale.

PDCI, IN PIAZZA CONTRO POLITICA RAZZISTA ISRAELE ”Oggi siamo stati in
piazza per dire basta ai massacri, per dimostrare che in Italia non ci sono
solo gli amici di Israele, ma anche coloro che sono al fianco del popolo
palestinese, e sono tantissimi”. Jacopo Venier, responsabile Esteri del
partito dei Comunisti italiani, ha partecipato alla manifestazione di Roma.
”Stretti in un solo abbraccio a Roma, come a Milano, Vicenza, Bari e
tantissime altre citta’, palestinesi, arabi e italiani – ha detto Venier –
hanno espresso la loro solidarieta’ agli abitanti della striscia di Gaza,
vittime di un’aggressione senza precedenti. Le grandi manifestazioni di
oggi – ha aggiunto Venier – mostrano la vera coscienza civile degli italiani
contro uno Stato, quello di Israele, che attua una politica razzista e
colonialista. Oggi abbiamo dimostrato che l’Italia non e’ solo quella dei
discorsi conformisti e pavidi del nostro governo, appiattito sulle posizioni
di Bush e di Olmert, ma quella della solidarieta’ nei confronti di un popolo
oppresso e aggredito, che – ha concluso – sta pagando un tributo di sangue
altissimo”.

BERTOLINI, MANIFESTANTI SE LA PRENDANO CON HAMAS ”Ancora una volta per le
strade del nostro Paese si brucia la bandiera di Israele. Chi brucia il
simbolo di uno stato democratico non e’ di certo qualcuno che vuole davvero
pace”. Lo afferma Isabella Bertolini, componente del direttivo del PdL alla
Camera, che aggiunge: ”Chi si e’ reso responsabile di questo vergognoso
gesto sa bene perche’ si e’ giunti a questa drammatica situazione”. Secondo
la deputata del PdL e’ stata l’organizzazione terroristica Hamas che ”ha
deliberatamente rotto la tregua con Israele e in pochi giorni ha bombardato
con oltre 500 razzi la popolazione israeliana. Dopo numerosi avvertimenti
c’e’ stata la legittima reazione dello stato di Israele”. ”Sarebbe il
caso – conclude Bertolini – che i manifestanti rivolgano le loro proteste a
chi e’ responsabile di tutto questo ossia Hamas”.

VOLONTE’, IN PIAZZA I SOLITI NAZISTI ROSSI ”Sempre la solita a storia,
gruppuscoli di nazisti rossi alla carica della citta’. Sono gli stessi che
da anni occupano abusivamente case, capannoni, facolta’ universitarie,
scuole … Oggi in scena gli insulti ad Israele, bandiere bruciate e cori
nazisti. Fosse per loro gli ebrei finirebbero tutti nei forni crematori. Nel
nostro Paese si va’ in galera se esalti Mussolini ma se inneggi allo
sterminio degli ebrei la sinistra ti applaude”. Lo dice il deputato
dell’Udc, Luca Volonte’. ”Queste – spiega Volonte’ – non sono
manifestazioni di libero pensiero, sono inni allo sterminio di un popolo e
dovrebbero essere vietati. Basta buonismo – conclude Volonte’ – verso queste
squadracce dalla camicia rossa, dopo i fischi al padre della Moratti ora le
bandiere bruciate. Non si possono tollerare questi atteggiamenti violenti,
incivili e razzisti”.

DE CORATO, PIAZZA DUOMO TRASFORMATA IN UNA MOSCHEA ”Gravi atti sono stati
compiuti contro lo stato di Israele. Piazza Duomo e’ stata trasformata in
una moschea e la prima giornata degli attesi sconti da parte dei milanesi e’
stata compromessa nel centro storico”: lo dice il vicesindaco di Milano
Riccardo De Corato in merito al corteo di oggi pomeriggio contro il
bombardamento israeliano di Gaza. ”Due bandiere di Israele, oltraggiate
dalle svastiche – prosegue De Corato – sono state infatti bruciate durante
il corteo mentre si inneggiava contro lo stato di Israele.

Cordoni della polizia sono stati sfondati e decine di vigili sono stati
impiegati a causa di intasamenti del traffico cittadino”. Per questo, il
vicesindaco ha promesso: ”Metteremo a disposizione di polizia e
magistratura le immagini registrate dalle telecamere”.

Anche il presidente del consiglio comunale Manfredi Palmieri ha espresso il
suo disappunto per quanto accaduto nel pomeriggio: ”Manifestare bruciando
la bandiera israeliana vuol dire essere pro Hamas, per i terroristi, per la
distruzione di Israele. Milano per questo sente vergogna, anche perche’
avverte piazza Duomo come violentata: tradizionalmente ribadiamo ogni
capodanno che e’ uno dei luoghi simbolo della pace, e questa sacralita’ e’
stata violata”.(ANSA)

c/
singolare qualunque
http://materialiresistenti.blog.dada.net/

Circa 500 persone hanno partecipato questa sera ( 2/01) al corteo catanese in solidarietà e sostegno alla popolazione di GAZA.

I cittadini intervenuti alla manifestazione, iniziata davanti alla Villa Bellini alle ore 17.30, lungo il percorso, in maniera molto vigorosa e tonante  hanno evidenziato sdegno, dolore e solidarietà, richiedendo l’immediato stop dei bombardamenti e del massacro in corso…

Molto numerosa la presenza dei palestinesi residenti a Catania: uomini, donne e bambini. In testa lo storico Imam cittadino Mufid. Tantissime Loro mani hanno portato una grandissima bandiera palestinese, ripetutamente “sbandierata” lungo la via Etnea.

Grande attenzione è stata evidenziata dalle tante persone presenti lungo il tragitto.

La manifestazione, richiedente Pace, Giustizia e Libertà per i Palestinesi  tragicamente sequestrati nel recinto di Gaza, che ha rotto il lugubre silenzio della nostra città sui drammatici eventi,  è terminata alle ore 20.00 dopo un lungo Sit-In sotto la Prefettura.

In conclusione i cittadini palestinesi, in maniera fortemente  accorata e partecipata, hanno innalzato una canto di Pace e una preghiera.

d.s.


Video su manifestazioni per Gaza

In Europa:

http://video.globo.com/Videos/Player/Noticias/0,,GIM943804-7823-EUROPA+PROTESTA+CONTRA+ATAQUES+DE+ISRAEL+A+FAIXA+DE+GAZA,00.html

http://video.globo.com/Videos/Player/Noticias/0,,GIM943803-7823-BUSH+E+OBAMA+EM+SILENCIO+SOBRE+INVASAO+ISRAELENSE+EM+GAZA,00.html

New York:
http://www.youtube.com/watch?v=E4hejAqOUMY&feature=channel_page
<http://www.youtube.com/watch?v=E4hejAqOUMY&feature=channel_page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.