Nazioni Unite esortate a condannare l’ebraicizzazione di Gerusalemme

PressTv. Un legislatore iraniano ha chiesto l'intervento delle Nazioni Unite a seguito della recente legge israeliana nella quale si definisce al-Quds (Gerusalemme) “la capitale unificata del popolo ebraico e di Israele”.

Parviz Sorouri, membro del Comitato di Sicurezza e di Politica Estera, è intervenuto a proposito della politica del doppio standard: “Le recenti manovre del regime israeliano dimostrano l'esistenza di una doppia libertà d'azione rispetto a quella concessa ad altri paesi nel mondo”.

Secondo Sorouri, “il regime sionista detta legge su Gerusalemme, Città Santa che appartiene a tutte le fedi, derubandola e violando leggi internazionali e risoluzioni Onu, mentre nessuna autorità legale e internazionale interviene per fermare Israele”.

Il legislatore ha inoltre sottolineato come le recenti novità legislative di Israele preparerebbero il terreno per ulteriori tensioni in Medio Oriente, e che le Nazioni Unite sono obbligate a intervenire determinate a contrastare detta legislazione.

“Dichiarare Gerusalemme 'capitale unificata del popolo ebraico e di Israele' è un oltraggio per il mondo arabo”, ha osservato Sorouri.

La Lega Araba ha scelto di non intervenire a dimostrazione di scarsa sensibilità sulla questione.
L'Organizzazione per la Cooperazione Islamica (Oic) invece, ente composto da 57 Stati istituita nel 1969 per promuovere la solidarietà islamica nel campo economico, politico e sociale, ha già tenuto una riunione d'emergenza per condannare gli ultimi atti di ebraicizzazione di Gerusalemme.

D'altra parte ci si aspetta sempre una denuncia per le mosse israeliane – come appunto per la recente presunzione su Gerusalemme -, da parte dei Paesi occidentali, pilotati dagli Usa, gli stessi che dichiarano di volersi impegnare per il rispetto della legge internazionale e delle risoluzione Onu.

“Questo tipo di azione da parte di Israele richiederebbe una reazione forte da parte del mondo islamico – puntualizza Sorouri -, le autorità israeliane devono realizzare che i loro sforzi saranno vani e che mai acquisiranno una dominanza su Gerusalemme. Al contrario, Israele dovrebbe considerare che queste manovre minano la stabilità regionale, oltreché rappresentare un oltraggio alle nazioni islamiche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.