Netanyahu: ‘No al ritorno ai confini del 1967. Gerusalemme, capitale di Israele’

Al-Quds (Gerusalemme) – InfoPal e Pal.info. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha ribadito il proprio rifiuto alle richieste palestinesi per un accordo di pace durevole e soprattutto per la nascita di uno stato palestinese entro i confini del 1967, con Gerusalemme come capitale.

Durante un incontro pubblico, svoltosi mercoledì sera in occasione dell'anniversario dell’uccisione di Yitzhak Rabin, Netanyahu ha ribadito che Israele “non tornerà mai ai confini esistenti prima del 1967 e che Gerusalemme rimarrà unita sotto il controllo
israeliano”.
Ha precisato che le costruzioni coloniali, causa di un rallentamento delle trattative di dialogo con le autorità di Ramallah, non sono in contraddizione con il processo politico.
Il premier israeliano ha rinnovato gli appelli per la istituzione di uno stato palestinese disarmato che riconosca Israele come uno stato per il “popolo ebraico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.