Portavoce sicurezza Anp smentisce notizia di acquisto attrezzature militari da Israele

Ramallah – InfoPal. Il portavoce dell'autorità per la sicurezza palestinese, il generale Adnanad-Damiri, ha smentito le notizie apparse sui media israeliani secondo le quali l'Anp avrebbe acquistato strumentazioni militari dallo Stato di Israele.

In un comunicato stampa trasmesso dai media palestinesi ieri, 15 settembre, Damiri ha dichiarato che la notizia “è falsa”, e ha aggiunto che l'autorità non ha mai acquistato materiali militari da Israele, né nel passato né nel presente, e che tutte le attrezzature in dotazione alle forze di sicurezza palestinesi sono state acquistate o donate da amici in Europa e Russia. Esse entrano nei porti israeliani con un'autorizzazione amministrativa, ma spesso Israele le blocca per lunghi periodi.

Ha anche aggiunto che “le autorità israeliane non permettono l'entrata alla maggior parte dei prodotti militari acquistati, o donati, all'estero, come i blindati russi che sono ormai da anni in Giordania, o i caschi e i giubbotti antiproiettile regalati dall'Europa e che sono ancora nei porti israeliani.

Secondo le stesse fonti, Damiri ha anche detto che “Israele sta utilizzando la propaganda mediatica, in questo preciso momento, nel tentativo disperato di ostacolare la leadership palestinese nel chiedere l'adesione dello Stato palestinese alle Nazioni Unite, e anche per influenzare negativamente l'opinione pubblica palestinese”.

Damiri ha aggiunto che “le forze di sicurezza palestinesi si sono distinte per il loro rapporto con il cittadino, basato sul rispetto reciproco e sulla supremazia della legge, e non sulla repressione”.

E ha poi affermato che “le autorità israeliane devono perseguire i coloni e le loro cellule segrete che stanno incrementando le aggressioni giornaliere contro moschee, abitazioni, fattorie e i cittadini palestinesi. E che tutto ciò potrebbe degenerare in reazioni violente da parte del popolo palestinese. E' questo che la leadership israeliana sta cercando di ottenere nella speranza di salvarsi dalla crisi politica”.

 Traduzione per InfoPal di Ahmad Adi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.