Rapporto settimanale delle violazioni israeliane: 14 palestinesi uccisi, di cui 5 bambini. 31 feriti.

Il "Centro palestinese per i Diritti umani" di Gaza, nel suo rapporto settimanale sulle violazioni israeliane in Cisgiordania e la Striscia, ha confermato che Israele ha ucciso 14 cittadini palestinesi, di cui 5 bambini, e ne ha ferito 31, tra cui 11 bambini e 2 donne.

Il rapporto aggiunge che l’ampliamento degli insediamenti e le aggressioni dei coloni sono sempre in corso.

Il Centro ha confermato che l’assedio contro i palestinesi e l’isolamento della Striscia di Gaza dal mondo esterno proseguono. A ciò si aggiungono 32 invasioni delle forze di occupazione in Cisgiordania e 2 nella Striscia di Gaza.

 

Alcuni dei crimini denunciati dal rapporto

Uccisioni, sparatorie e bombardamenti: durante il periodo coperto da questo rapporto, 14 cittadini palestinesi, tra cui 5 bambini, sono stati uccisi nella Striscia di Gaza, gli altri 4 in Cisgiordania.

Sono stati feriti 31 civili, di cui 11 bambini e un giornalista americano. 18 sono stati feriti in Cisgiordania e il resto nella Striscia di Gaza.

Nella Striscia di Gaza, sono stati uccisi 10 cittadini palestinesi, di cui 5 bambini: due sono fratelli. Sono stati altri feriti 13 civili soltanto il 14 giugno.

Nella cittadina al-Shokah, a est di Rafah, vicina alla frontiera israelo-palestinese, 3 fratellini stati feriti mentre giocavano con un oggetto (un ordigno) lasciato dalle forze di occupazione israeliana.

Il 18 giugno, le forze di occupazione israeliana hanno ucciso un palestinese, e ne hanno feriti altri 3 al passaggio di Erez, a Beit Hanoun, a nord della Striscia di Gaza.

Il 20 giugno, a seguito di un’invasione israeliana, sono stati uccisi 4 cittadini a al-Qararah, a est di Khan Yunes, e feriti altri 5, tra cui un bambino.

Il Centro rivela che le ambulanze sono riuscite a raggiungere i feriti solo dopo diverse ore, e che forse qualcuno è morto dissanguato.

In altri due incidenti, il 19 giugno, sono stati feriti 2 cittadini palestinesi tra le persone bloccate al passaggio di Erez, colpiti dalle raffiche di mitra delle forze di occupazione.

In Cisgiordania, l’esercito israeliano ha ucciso 4 cittadini palestinesi in tre diversi incidenti.

Il 14 giugno i soldati hanno ucciso un uomo della resistenza palestinese nella città di Qalqilyah, e ne ha ferito 13, di cui 5 bambini.

Il 20 giugno, le forze di occupazione hanno ucciso 2 cittadini di Kafr Dan, a ovest della città di Jenin.

Il 21 giugno, hanno ucciso un attivista palestinese delle Brigate al-Aqsa nella cittadina di Saida, a nord di Tulkarem, e hanno ferito altri 2 cittadini civili, tra cui un bambino, che stavano passando per caso sulla scena degli scontri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.