Rassegna stampa del 25 marzo.

Rassegna stampa del 25 marzo.

A cura di Chiara Purgato.

<!– /* Font Definitions */ @font-face {font-family:Wingdings; panose-1:5 0 0 0 0 0 0 0 0 0; mso-font-charset:2; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:0 268435456 0 0 -2147483648 0;} @font-face {font-family:”MS Mincho”; panose-1:2 2 6 9 4 2 5 8 3 4; mso-font-alt:”MS 明朝”; mso-font-charset:128; mso-generic-font-family:modern; mso-font-pitch:fixed; mso-font-signature:-1610612033 1757936891 16 0 131231 0;} @font-face {font-family:Tahoma; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:swiss; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:1627421319 -2147483648 8 0 66047 0;} @font-face {font-family:Calibri; mso-font-alt:Arial; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:swiss; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-520092929 1073786111 9 0 415 0;} @font-face {font-family:”@MS Mincho”; panose-1:2 2 6 9 4 2 5 8 3 4; mso-font-charset:128; mso-generic-font-family:modern; mso-font-pitch:fixed; mso-font-signature:-1610612033 1757936891 16 0 131231 0;} @font-face {font-family:Cambria; mso-font-alt:”Palatino Linotype”; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:roman; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-1610611985 1073741899 0 0 159 0;} /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-parent:””; margin-top:0in; margin-right:0in; margin-bottom:10.0pt; margin-left:0in; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:Calibri; mso-fareast-font-family:Calibri; mso-bidi-font-family:Arial; mso-fareast-language:EN-US;} h1 {mso-style-next:Normale; margin-top:24.0pt; margin-right:0in; margin-bottom:0in; margin-left:0in; margin-bottom:.0001pt; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan lines-together; page-break-after:avoid; mso-outline-level:1; font-size:14.0pt; font-family:Cambria; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; color:#365F91; mso-font-kerning:0pt; mso-fareast-language:EN-US; font-weight:bold;} h2 {mso-style-next:Normale; margin-top:10.0pt; margin-right:0in; margin-bottom:0in; margin-left:0in; margin-bottom:.0001pt; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan lines-together; page-break-after:avoid; mso-outline-level:2; font-size:13.0pt; font-family:Cambria; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; color:#4F81BD; mso-fareast-language:EN-US; font-weight:bold;} h3 {margin-right:0in; mso-margin-top-alt:auto; mso-margin-bottom-alt:auto; margin-left:0in; mso-pagination:widow-orphan; mso-outline-level:3; font-size:13.5pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; font-weight:bold;} h4 {mso-style-next:Normale; margin-top:10.0pt; margin-right:0in; margin-bottom:0in; margin-left:0in; margin-bottom:.0001pt; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan lines-together; page-break-after:avoid; mso-outline-level:4; font-size:11.0pt; font-family:Cambria; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; color:#4F81BD; mso-fareast-language:EN-US; font-weight:bold; font-style:italic;} a:link, span.MsoHyperlink {color:blue; text-decoration:underline; text-underline:single;} a:visited, span.MsoHyperlinkFollowed {color:purple; text-decoration:underline; text-underline:single;} p {margin-right:0in; mso-margin-top-alt:auto; mso-margin-bottom-alt:auto; margin-left:0in; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} span.Titolo3Carattere {mso-style-name:”Titolo 3 Carattere”; mso-ansi-font-size:13.5pt; mso-bidi-font-size:13.5pt; mso-ascii-font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-language:IT; font-weight:bold;} span.apple-style-span {mso-style-name:apple-style-span;} span.nota {mso-style-name:nota;} span.apple-converted-space {mso-style-name:apple-converted-space;} span.Titolo1Carattere {mso-style-name:”Titolo 1 Carattere”; mso-ansi-font-size:14.0pt; mso-bidi-font-size:14.0pt; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; color:#365F91; font-weight:bold;} span.Titolo2Carattere {mso-style-name:”Titolo 2 Carattere”; mso-ansi-font-size:13.0pt; mso-bidi-font-size:13.0pt; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; color:#4F81BD; font-weight:bold;} p.Testofumetto, li.Testofumetto, div.Testofumetto {mso-style-name:”Testo fumetto”; margin:0in; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:8.0pt; font-family:Tahoma; mso-fareast-font-family:Calibri; mso-fareast-language:EN-US;} span.TestofumettoCarattere {mso-style-name:”Testo fumetto Carattere”; mso-ansi-font-size:8.0pt; mso-bidi-font-size:8.0pt; mso-ascii-font-family:Tahoma; mso-hansi-font-family:Tahoma; mso-bidi-font-family:Tahoma;} span.vcard {mso-style-name:vcard;} span.Titolo4Carattere {mso-style-name:”Titolo 4 Carattere”; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; color:#4F81BD; font-weight:bold; font-style:italic;} span.date {mso-style-name:date;} span.Iniziomodulo-zCarattere {mso-style-name:”Inizio modulo -z Carattere”; mso-ansi-font-size:8.0pt; mso-bidi-font-size:8.0pt; mso-ascii-font-family:Arial; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:Arial; mso-bidi-font-family:Arial; display:none; mso-hide:all; mso-fareast-language:IT;} span.Finemodulo-zCarattere {mso-style-name:”Fine modulo -z Carattere”; mso-ansi-font-size:8.0pt; mso-bidi-font-size:8.0pt; mso-ascii-font-family:Arial; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:Arial; mso-bidi-font-family:Arial; display:none; mso-hide:all; mso-fareast-language:IT;} @page Section1 {size:595.3pt 841.9pt; margin:70.85pt 56.7pt 56.7pt 56.7pt; mso-header-margin:35.4pt; mso-footer-margin:35.4pt; mso-paper-source:0;} div.Section1 {page:Section1;} /* List Definitions */ @list l0 {mso-list-id:328871424; mso-list-template-ids:-187284750;} @list l0:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} @list l1 {mso-list-id:789402833; mso-list-template-ids:631912004;} @list l1:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} @list l2 {mso-list-id:1689478742; mso-list-template-ids:1800819574;} @list l2:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} @list l3 {mso-list-id:2092852445; mso-list-template-ids:-1792490036;} @list l3:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} ol {margin-bottom:0in;} ul {margin-bottom:0in;} –>

http://www.virgilio.it/

Israele – Palestina: dopo il viaggio in Usa di Netanyahu si riapre la speranza di un accordo di pace

 

“Pensiamo di aver trovato un modo eccellente di permettere agli statunitensi di far avanzare il processo di pace e al contempo di preservare i nostri interessi nazionali” ha commentato il primo ministro israeliano – “Pensiamo di aver trovato un modo eccellente di permettere agli statunitensi di far avanzare il processo di pace e al contempo di preservare i nostri interessi nazionali”, questo il commento del primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu che ha appena concluso una difficile visita a Washington dove sembra aver fatto progressi nel superamento dei disaccordi sulla costruzione di alloggi a Gerusalemme est occupata. In una serie di incontri per tutta la giornata di ieri, funzionari Usa e israeliani hanno cercato di elaborare un 'pacchetto' di gesti di buona volontà che il presidente Usa Barack Obama spera possano riportare i palestinesi ai negoziati di pace. Nir Hefez, un portavoce di Netanyahu, ha riferito che sette ministri israeliani incontreranno il premier dopo il suo ritorno oggi a Gerusalemme per discutere delle misure allo studio per ripristinare la fiducia tra le parti.

 

 

M.O./ Dopo Gb Australia potrebbe espellere diplomatico Israele

Roma, 25 mar. (Apcom) – Dopo la Gran Bretagna anche l'Australia potrebbe espellere un diplomatico israeliano nel quadro della vicenda dell'assassinio del comandante militare di Hamas, Mahmpud al-Mabhouh, lo scorso gennaio a Dubai, per mano di presunti agenti del Mossad che hanno usato passaporti stranieri contraffatti nella loro operazione. Lo riporta Ynet, l'edizione online dello Yedioth Ahronoth.

Fonti israeliane hanno detto al quotidiano The Australian che il governo di Canberra potrebbe seguire le orme di Londra ed espellere un diplomatico israeliano, riporta Ynet. Ma il ministero degli Esteri israeliano ha smentito queste voci, affermando che le “notizie provenienti dall'Australia sono prive di fondamento”. Le 26 persone identificate nell'ambito delle indagini per l'omicidio del comandante di Hamas – sospettate dalla polizia di Dubai di appartenere al Mossad – hanno usato passaporti contraffatti britannici, francesi, irlandesi, tedeschi e australiani per entrare negli Emirati Arabi Uniti.

 

 

http://www.ansa.it/

Mo: Ue condanna via libera nuove case

Catherine Ashton, Israele riveda posizione

(ANSA) – BRUXELLES, 24 MAR – L'Ue ha condannato il via libera israeliano alla costruzione di 20 nuovi alloggi in un insediamento ebraico a Gerusalemme est. 'La costruzione di nuove colonie a Gerusalemme est e' illegale – ha detto la responsabile della politica estera dell' Ue, Catherine Ashton – e compromette gli sforzi di pace'. La Ashton ha chiesto alle autorita' dello stato ebraico di rivedere la loro decisione.

 

 

http://www.ticinonews.ch/default.aspx

Gaza: Onu; approvata risoluzione su offensiva Piombo Fuso

Il Consiglio dell'Onu sui diritti umani ha approvato oggi a Ginevra una risoluzione sull'operazione militare israeliana “Piombo fuso”: il testo chiede la creazione di un comitato di esperti indipendenti incaricato di valutare le procedure giudiziarie israeliane e palestinesi sulle gravi violazioni del diritti umani segnalate nel cosiddetto rapporto “Goldstone”. La risoluzione è stata approvata con 29 voti a favore, 11 astensioni e sei voti contrari.

Il testo approvato chiede al governo israeliano e alle autorità palestinesi di applicare le raccomandazioni del rapporto “Goldstone”, così chiamato dal nome del giudice sudafricano Richard Goldstone che ha guidato l'inchiesta indipendente, decisa l'anno scorso dallo stesso Consiglio dei diritti umani, sulle violazioni commesse da Israele e Hamas nel'ambito dell'offensiva Piombo fuso (inverno 2008-2009). Il severo e dettagliato rapporto – aspramente criticato da Israele – chiede tra l'altro alle parti di procedere ad indagini credibili su presunti crimini di guerra.

La risoluzione odierna chiede anche all'Alto commissario dell'Onu per i diritti umani di studiare e stabilire le modalità per indennizzare i palestinesi che hanno subito danni e perdite a causa di “atti illegali attribuibili a Israele” durante l'operazione Piombo fuso.

 

 

http://www.affaritaliani.it/

I palestinesi danneggiati dai loro amici arabi
C’è un aneddoto che spiega perfettamente perché il problema dei palestinesi è insolubile e perché i loro amici arabi non collaborano a risolverlo.

Giacomo soffriva di una brutta malattia. Prima camminava appoggiandosi alle sedie e ai mobili, poi comprò un bastone, infine si rese conto che dipendeva dalla moglie per ogni cosa e cominciò a piangere in segreto. Tutti gli amici lo incoraggiavano con belle parole, come ignorando la gravità del caso, finché un giorno venne a trovarlo Guido, un suo amico d’infanzia, che gli disse: “Sei praticamente paralitico. Devi comprarti una sedia a rotelle. Meglio se elettrica”.

La sua brutalità raggelò tutti ma Giacomo presto si rese conto che il consiglio migliore era proprio quello, mentre edulcorare la realtà rendeva la sua vita un disastro. Comprò dunque la sedia a rotelle e scoprì di avere ricuperato la libertà: non solo poteva girare per casa, ma anche andare a leggere in giardino, andare a prendere gli occhiali se li aveva per caso dimenticati, e perfino andare a comprare il giornale all’angolo della strada. Ammettere che non si può guarire di una malattia nel modo desiderato è l’unico modo per diminuirne gli effetti negativi.

In Palestina bisognerebbe riconoscere alcuni dati. Israele esiste ed è imbattibile militarmente. Si deve dunque accettare che ha il diritto di annettersi tutto ciò che vuole: e dal momento che vuole Gerusalemme, il Golàn solo per motivi militari e poco altro, tanto vale darglieli, ringraziando il Cielo che non sia più avida. Dato il grave stato di indigenza della Cisgiordania, bisognerebbe trarre vantaggio dalla vicinanza di un Paese sviluppato, dalla sua tecnologia e dalle occasioni di lavoro che può offrire. Sarebbe come andare a comprare la sedia a rotelle, ma è sempre meglio della paralisi.

Viceversa che cosa fanno gli amici musulmani? Incoraggiano i palestinesi a chiedere la Luna. Ad esigere  vantaggi che forse nemmeno una loro vittoria avrebbe giustificato. In questo modo li allontanano da una pace che potrebbe condurli a non vivere più di carità, a fruire di una vera indipendenza (armamenti a parte) e ad avere piena dignità nella società internazionale. Anche l’Europa e gli Stati Uniti, traboccanti di bontà, li spingono ad atteggiamenti irrealistici, perfino riguardo alla politica abitativa della capitale israeliana: il risultato è che la pace non c’è stata per sessantadue anni e non ci sarà nel prevedibile futuro. La strada dell’inferno è lastricata di buone intenzioni.

Tempo fa Edward N.Luttwak espose una verità agghiacciante, del tutto contraria alla political correctness. Nell’antichità i conflitti etnici giungevano alla pace definitiva in due modi: o un gruppo ammazzava tutti i membri dell’altro, oppure uno dei due gruppi per sfuggire al massacro andava via. Se invece si impone una tregua, i contendenti sono ancora sul campo, rimangono pronti a riprendere le armi e non si ha mai pace. Naturalmente nessuno auspica che questa sia oggi la soluzione per i Balcani, per l’Africa o per la Palestina. Ma è vero che la pace è figlia della vittoria, non della tregua. Che ci sia un vincitore indiscutibile è l’unico modo perché la guerra cessi.

Questo doloroso riconoscimento può avvenire in due modi. O chi perde subisce un tale catastrofico disastro che non può negarlo nessuno: è il caso della Germania dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale e non della Prima (infatti solo stavolta l’Europa ha ottenuto sessantacinque anni di pace).Oppure il perdente ha il buon senso di non aspettare il verificarsi di quella tragedia, per prendere atto della realtà: e si arrende veramente. È il caso di tante guerre del passato e del Giappone dopo Nagasaki.

I palestinesi hanno avuto a che fare con un vincitore mite e sono stati spinti da consiglieri dementi a non riconoscerlo. Anzi a sfidarlo: ed è così che hanno perso ogni speranza di pace.

Non si può che ripeterlo: la strada dell’inferno è lastricata di ipocrisia e di retorica.

 

 

http://www.ilmessaggero.it/

Clinton: Israele dovrà fare scelte difficili
Palestinesi uccisi, l'Olp protesta

Sulla tragedia dubbi anche dai media israeliani. Segretario
di Stato Usa: rapporto tra Tel Aviv e palestinesi insostenibile

 

ROMA (22 marzo) – Il segretario di Stato americano Hillary Clinton sostiene che Israele deve compiere «scelte difficili ma necessarie» lungo la strada del processo di pace perché lo status quo nei rapporti con i palestinesi non è sostenibile: lo afferma in un discorso preparato per l'appuntamento di oggi all'Aipac, lobby ebraica filoisraeliana. «C'è un'altra via – dice Hillary Clinton – Quella che porta alla sicurezza e alla prosperità per tutti nella regione. Sarà necessario per tutte le parti – incluso Israele – effettuare scelte difficili ma necessarie». Nel suo intervento la Clinton ribadisce inoltre il sostegno «incrollabile» di Washington per la sicurezza dello Stato ebraico, pur precisando che gli Stati Uniti intendono «dire la verità quando necessario».

Palestinesi uccisi, l'Olp protesta. Il discorso di Hillary Clinton nel giorno in cui crescono le polemiche all'indomani dell'uccisione di due giovanI palestinesi da parte dell'esercito israeliano in un incidente avvenuto presso Nablus (Cisgiordania). L'Olp ha pubblicato in merito un duro comunicato, mentre la stampa israeliana solleva interrogativi sulla versione fornita dai soldati. «Israele torna a far ricorso ad una violenza mortale contro i palestinesi, in uno sforzo deliberato di infiammare le tensioni sul terreno» ha accusato a nome dell'Olp il negoziatore Saeb Erekat. L'incidente in questione è avvenuto nel villaggio di Awarta (Nablus) quando, secondo la prima versione dell'esercito israeliano, due giovani palestinesi hanno cercato di assalire un militare israeliano. Secondo questa versione, i due – Mohammed e Saleh Quarik, di 19 anni – sarebbero stati colpiti a morte dal fuoco dei commilitoni del soldato aggredito.

Dubbi dei media sulla vicenda. Oggi, però, i quotidiani Haaretz e Yediot Ahronot avanzano seri dubbi sulla vicenda. Precisano che in precedenza i due erano stati interrogati dai soldati e che avevano deposto a terra utensili agricoli che avevano con sé. Un militare ha detto che uno dei giovani «ha pronunciato qualcosa, come una preghiera» e poi lo ha attaccato alle spalle con una bottiglia. Di conseguenza ha reagito sparando. Poi è stata la volta del secondo giovane ad attaccarlo, «armato di una siringa». Anche lui è stato colpito a morte. Ufficiali citati dalla stampa hanno ammesso che in queste circostanze è difficile accettare che i soldati non avessero altra scelta che sparare per uccidere. «Un episodio del genere avrebbe dovuto concludersi in maniera molto diversa» ha riconosciuto una fonte militare citata da Yediot Ahronot.

«Non consentiremo all'Iran di avere la bomba atomica». Hillary Clinton, in un messaggio al comitato per gli Affari pubblici Israelo-Americani, ha anche affrontato la questione Iran, dicendo che l'amministrazione Obama non permetterà a Teheran di dotarsi della bomba atomica e sta lavorando a sanzioni più pungenti per spingere l'Iran a chiarire i dubbi sulla natura del suo programma nucleare. «Il nostro scopo non è aumentare le sanzioni, ma renderle pungenti – Voglio essere chiara, gli Stati Uniti sono determinati a impedire che l'Iran acquisisca armi nucleari». Il segretario di Stato ha precisato che se l'Iran entrasse in possesso della bomba atomica si incoraggerebbero i terroristi e si scatenerebbe una corsa al nucleare in tutto il Medio Oriente. «Questo è inaccetabile per gli Usa, per Israele, per la regione e per la comunità internazionale».

 

http://www.israele.net/

25-03-2010

“Lo stato nei territori è solo la prima fase”

 

 

Quelli che seguono sono brani tratti da un’intervista a Leila Khaled, membro del Fronte Popolare di Liberazione della Palestina, ex dirottatrice di aerei civili, trasmessa dalla tv di Abu Dhabi lo scorso 31 gennaio.

Intervistatrice: «Assisteremo alla ripresa dei negoziati senza un congelamento degli insediamenti?»
Leila Khaled: «Spero che il presidente [dell’Autorità Palestinese] Abu Mazen [Mahmoud Abbas] tenga ferma la sua posizione, perché – e questo lo dico forte e chiaro – se cederà a queste pressioni, andrà incontro a una formidabile vendetta da parte del popolo. Al momento io sto dietro ad Abu Mazen e gli dico: noi siamo con te di fronte a queste pressioni. Non sarai solo sul campo di battaglia. Me se accetterai di sedere al tavolo negoziale, saremo contro di te».
[…]
Intervistatrice: «Lei rappresenta un ampio settore del pubblico palestinese. Ha detto che se Mahmoud Abbas accetterà i negoziati, lei sarà contro di lui. Cosa significa questo in termini pratici?»
Leila Khaled: «Incendieremo le strade. […] Lo scopo ultimo della lotta è l’istituzione di uno stato palestinese in terra di Palestina, all’interno dei confini del 1967, Gerusalemme compresa. Ma questa è solo una fase, non è tutto. In definitiva, noi abbiamo il diritto di tornare in Palestina, in tutta la Palestina. Io sono di Haifa e voglio tornare a Haifa. È un diritto umano, legittimo e naturale della gente vivere nella propria terra. Naturalmente c’è gente che dirà: “sognatelo”. Io rispondo: “la rivoluzione inizia con un sogno”.
Intervistatrice: «Molte persone dicono che Israele non accetterà mai due cose: cedere Gerusalemme e la questione dei profughi».
Leila Khaled: «E allora come è successo che Israele ha accettato di rilasciare prigionieri? Aveva dichiarato che nemmeno se fosse sceso il Profeta avrebbe rilasciato eccetera eccetera, ma alla fine l’ha fatto».
Intervistatrice: «Ma dopo quanti anni?»
Leila Khaled: «Se usi la forza, il nemico si ritira. Quando l’occupante inizia e sentire che l’occupazione costa cara, cosa fa? Si ritira».

 

Esteri | 25/03/2010 | ore 10.11 »

Tripoli, 25 mar. – (Adnkronos/Aki) – Il primo vertice della Lega araba guidato dal leader libico Moammar Gheddafi, che si terra' sabato e domenica a Sirte, in Libia, mira a ''salvare'' Gerusalemme da Israele che, sfidando gli appelli della comunita' internazionale, continua a sostenere la validita' del suo piano edilizio a discapito degli arabi. Il processo di pace israelo-palestinese ha gia' dominato la fase preparatoria del summit, con appelli ugualmente rivolti ai leader arabi radicali o pro-occidentali di lasciare da parte le dispute interne e di unirsi contro Israele.

La citta' natale di Gheddafi, Sirte, e' gia' addobbata con striscioni che recitano slogan tipo ''Non e' il momento per le dispute'', ''Dobbiamo lavorare insieme'' e ''L'intreresse delle nazioni (arabe, ndr) supera tutte le differenze''. Anche la Siria punta all'unita' araba e ha fatto circolare una proposta che mira a ''risolvere le differenze arabe''.

Il presidente siriano Bashar Assad, che come la Libia sta uscendo dall'isolamento internazionale, ha lanciato ieri un appello perche' gli arabi ''serrino i ranghi'' per ''salvare Gerusalemme dagli schemi israeliani''. Ne' gli arabi, ne' la comunita' internazionale accetta il nuovo piano edilizio di Israele, che prevede la costruzione di 1600 nuove case a Gerusalemme Est

 

 

 

http://www.womenews.net/spip3/

Roma – La Gerusalemme assediata: Incontro con Amal Nashashibi

Roma 
venerdi 26 marzo 2010 
ore 18 
Casa internazionale delle donne
 
via della Lungara 19

La Gerusalemme assediata

La colonizzazione israeliana avanza nell’area di Gerusalemme:espansione degli insediamenti israeliani, esproprio di case palestinesi, confisca delle tessere di residenza dei cittadini palestinesi di Gerusalemme.

Nelle ultime settimane si sono verificati scontri tra popolazione palestinese e polizia israeliana in occasione della riapertura della sinagoga Hurva, a pochi metri dalla Moschea di Al Aqsa, alla presenza di Ministri israeliani.

Quale futuro per Gerusalemme? Quale futuro per la Palestina?

Incontro con Amal Nashashibi

Attivista politica indipendente, nei Comitati delle donne durante la prima Intifada, + fondatrice della Coalizione per Gerusalemme e della ONG Al Mirsat, che lavora con giovani emarginati. Conosce ogni pietra della bellissima città vecchia di Gerusalemme, la storia, la cultura e le tradizioni palestinesi

Ci racconterà quello che succede a Gerusalemme in questi giorni, potremo discutere con lei del presente e futuro di Gerusalemme e della Palestina.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.