Scontri tra polizia e coloni in un avamposto in Cisgiordania

Al-Quds (Gerusalemme) – Ma'an. Micky Rosenfeld, portavoce della polizia, ha comunicato che sei ufficiali della polizia israeliana e cinque coloni sono rimasti feriti negli scontri di giovedì, in seguito allo smantellamento di un avamposto illegale.

“La polizia si è recata all'avamposto di Ali Ayan in Cisgiordania, a nord di Ramallah, durante la mattina di giovedì”, ha aggiunto.

“I poliziotti, la polizia di frontiera e l'esercito si sono diretti verso l'avamposto al mattino presto, per demolire quattro edifici illegali costruiti recentemente (…), e immediatamente si è verificata una forte opposizione da parte dei coloni, che hanno lanciato pietre.”

Rosenfeld ha proseguito dichiarando che “sei ufficiali della polizia sono rimasti leggermente feriti dal lancio di pietre, così come cinque coloni che hanno tentato di attaccare la polizia mentre li stava difendendo”.

Subito dopo è stata gettata una bomba incendiaria contro un veicolo parcheggiato della polizia, andato distrutto. Nessuno vi si trovava all'interno.

“E' accaduto a pochi chilometri di distanza e probabilmente rappresenta una reazione alla demolizione dell'avamposto”, ha sostenuto Rosenfeld.

Sei individui coinvolti negli scontri e nel lancio della bomba sono stati arrestati.

Il 30 marzo, la polizia israeliana arrestò nove coloni, in seguito al verificarsi di scontri simili presso un avamposto nel nord della Cisgiordania.

Israele considera illegali gli avamposti costruiti in Cisgiordania senza l'approvazione del governo, e spesso invia del personale di sicurezza a demolirli. Talvolta essi sono formati solamente da qualche edificio.

La comunità internazionale, invece, considera illegali tutti gli insediamenti costruiti in Cisgiordania, su territori sottratti da Israele durante la Guerra dei Sei Giorni del 1967.

Altre aggressioni dei coloni. i palestinesi del villaggio di Madama, a sud di Nablus, hanno comunicato che un gruppo di coloni del vicino insediamento di Yitzhar ha deliberatamente incendiato un campo di grano palestinese.

L'esercito israeliano ha confermato di aver ricevuto lamentele da parte dei palestinesi della zona e di aver visto israeliani e palestinesi scagliare pietre gli uni contro gli altri.

“Le forze di sicurezza sono intervenute e hanno represso la rivolta, utilizzando i mezzi a propria disposizione”, ha riferito un portavoce ad Afp. “Per quanto mi risulta, non ci sono stati né feriti né arrestati”, ha aggiunto, affermando che si stanno ricercando le cause dell'incendio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.