Simposio di Hamas su ‘soluzione dei due stati’.

Gaza – Infopal. Il movimento di Hamas ha organizzato a Khan Yunis un simposio politico intitolato: “La soluzione dei due stati e il futuro della questione palestinese”. Al convegno era presente, tra gli altri, Malad al-Agha, specialista negli affari palestinesi, del cui intervento riportiamo i temi principali.

“La natura del conflitto e il suo manifestarsi su basi religiose, che dimostrerebbero come l'entità sionista risulti essere “un cancro invasivo che indebolisce la nazione musulmana, padrona del mondo per molti secoli e maestra nel gestire gli affari dei suoi popoli”.
Al-Agha, nella sua relazione, ha toccato anche il problema della “colonizzazione pacifica”, sostenendo che questa stessa espressione, ideata dai poteri forti del mondo, “pecca d’illusorietà, e punta da una parte a mettere sullo stesso piano l’usurpatore con il vero proprietario della terra palestinese, e dall’altra ad assicurare l’esistenza dello stato sionista nel mondo arabo”.

Parole di pessimismo sono state spese anche riguardo la nuova amministrazione Usa, la quale, secondo al-Agha, non sarà diversa da quelle che l’hanno preceduta, e contribuirà forse a costituire uno stato palestinese in Cisgiordania e sulla Striscia di Gaza, su una porzione di terra che non supererà il 16% dell’intera regione palestinese. Il governo americano fornirebbe così un servizio gratuito all’occupazione israeliana, che godrebbe della terra di proprietà araba tramite il “giochino” della soluzione dei due stati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.