Smentite le voci di licenziamento del governo Hamas senza conferimento dell’incarico a Haniyah di formare un altro esecutivo.

Dal nostro corrispondente.

Il presidente degli Affari per le trattative dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, dott. Saeb Erekat, ha confermato "l’esistenza di un accordo iniziale tra le fazioni palestinesi per scegliere Ismail Haniyah alla presidenza del Consiglio dei ministri del governo di unità nazionale", e ha aggiunto che "tutte le fazioni palestinesi non cercano il potere o la posizione ma tentano solo di sciogliere l’embargo imposto contro il popolo palestinese".

Durante una conferenza stampa alla presenza del presidente del Raggruppamento dei partiti socialisti europei e del ministro degli Esteri del Lussemburgo, Erekat ha sottolineato che "il presidente Abbas ha confermato l’importanza del ruolo che gioca l’Unione Europea nell’aiutare il popolo palestinese".

 

Erekat ha spiegato che "è ancora  presto per lanciare giudizi sul governo di unità nazionale" ma ha sottolineato che "tutti hanno compiuto gli sforzi necessari per raggiungere un programma congiunto e accettabile a livello internazionale e finalizzato ad attirarne il sostegno".

Da parte sua, il segretario generale del Consiglio dei ministri, dott. Mohammad Awad, ha smentito le notizie secondo cui il presidente Mahmud Abbas avrebbe consegnato al primo ministro Ismail Haniyah una lettera per lo scioglimento dell’attuale governo senza però assegnargli il mandato per la formazione di quello di unità nazionale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.