Striscia di Gaza: la centrale elettrica smetterà di funzionare per mancanza di carburante.

Gaza. L’unica centrale elettrica della Striscia di Gaza cesserà di funzionare venerdì notte a causa della penuria di carburante.
L’impianto ha già ridotto l’erogazione di energia del 30-40%, afferma l’Autorità per l’Energia di  Gaza, notando che l’attuale ondata di freddo ha fatto consumare più del previsto le scorte di carburante.

L’Autorità per l’Energia di  Gaza ha avvisato i sindaci e le municipalità della Striscia, ed anche il ministero della Salute e le compagnie telefoniche PalTel e Jawwal, di prepararsi al peggio. Giovedì scorso, le autorità israeliane non hanno concesso il passaggio del carburante, in base a quanto afferma Raed Fattouh, responsabile palestinese per i valichi,

così le esigue quantità di gas per cucina e di diesel transitate da Kerem Shalom non basteranno a far funzionare l’impianto centrale per più di un giorno.

L’impianto dispone di tre generatori, ma sebbene tutti funzionino, solo uno è attivo… Questo unico generatore in funzione fornisce energia elettrica a Gaza per 16 ore al giorno.
Il carburante per la centrale è acquistato da Israele, dal quale dunque giunge, via gomma, attraverso il passo di Kerem Shalom, nel sud delle Striscia. La maggior parte del carburante per uso personale passa di contrabbando dall’Egitto attraverso i tunnel, e serve a far funzionare dei generatori domestici, mentre la centrale elettrica può solo funzionare grazie al carburante che arriva da Israele.

Un contratto dell’UE riguardante il pagamento delle forniture di carburante è scaduto il 30  novembre 2009, secondo quanto afferma Kan'an Obeid, vice capo dell’Autorità per l’Energia della Striscia. Pareva che l’UE avrebbe fornito quest’assistenza finanziaria anche dopo la scadenza del contratto, ma alcuni suoi dirigenti hanno fatto sapere all’Autorità per l’Energia che essi non pagheranno ancora per queste forniture di carburante finché l’ANP a Ramallah non sottoscriverà un nuovo accordo comprendente anche il capitolo sui pagamenti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.