Striscia di Gaza, l’esercito israeliano spara su contadini e attivisti internazionali

Gaza – InfoPal. Questa mattina, a Khuza'a, a est di Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza, le forze di occupazione israeliane hanno aperto il fuoco contro un gruppo di attivisti internazionali e contadini palestinesi. 

Secondo quanto ha riferito il nostro corrispondente, attivisti internazionali hanno accompagnato un gruppo di agricoltori palestinesi nelle loro terre, il cui accesso è vietato dalle forze di occupazione, che hanno imposto una zona di “sicurezza”, o buffer zone, su 500 metri del territorio a est e a nord della Striscia.

Il nostro corrispondente ha aggiunto che i soldati israeliani hanno smesso di sparare solo dopo che gli attivisti si sono disposti a scudo umano per difendere i contadini che stavano raccogliendo i prodotti agricoli nelle proprie terre. Non ci sono stati feriti né tra gli attivisti né tra gli agricoltori.

Dopo diverse ore dal loro arrivo nella buffer zone, accompagnati dagli attivisti della solidarietà, i contadini hanno portato i raccolti a Khan Younis.

Le forze di occupazione israeliano hanno imposto una zona cuscinetto di “sicurezza” lungo il confine orientale e settentrionale della Striscia di Gaza per una profondità di 500 metri, all'interno del territorio della Striscia di Gaza, impedendo agli agricoltori di raggiungere i propri campi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.