Terzo giorno di combattimenti nel campo profughi di Nahr Al-Bared, in Libano.

Terzo giorno di combattimenti nel campo profughi palestinese di Nahr Al-Bared, vicino a Tripoli, nel nord del Libano.

All’alba di oggi, le truppe libanesi hanno bombardato il campo Nahr Al-Bared, nel tentativo di mettere fuori combattimento il gruppo di "Fatah Al-Islam", che hanno risposto al fuoco. 

Il conto dei morti va da 50 a 80, compresi soldati, militanti e civili.

Il tv satellitare Al-Jazeera parla di 20 combattenti, 32 soldati e 27 civili uccisi durante i 3 giorni di scontri tra l’esercito libanese e Fatah Al-Islam. 

Ieri, le agenzie umanitarie hanno reso nota la morte di 25 persone e il ferimento di 80 altre all’interno del campo di Nahr Al-Bared

Questi scontri interni sono stati definiti i più "sanguinari" dalla guerra civile del 1975-1990.

A causa dei bombardamenti, molti feriti non possono essere trasportati in ospedale, e alcuni muoiono dissanguati.

Khalid Mash’al, leader dell’ufficio politico di Hamas a Damasco, ieri ha telefonato al primo ministro libanese, Fouad Siniora, chiedendo di proteggere i profughi palestinesi del campo di Nahr Al-Bared. Stessa richiesta è stata inoltrata al segretario della Lega Araba, Amr Moussa e al ministro degli esteri saudita, Saud Al-Faysal.

Fatah Al-Islam ha promesso di combattere "fino all’ultima goccia di sangue".

Leggere anche: https://www.infopal.it/testidet.php?id=5223 e https://www.infopal.it/testidet.php?id=5227

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.