Un ragazzino palestinese è morto dilaniato da una mina israeliana inesplosa. Ferito il fratellino.

Ieri, nei pressi del villaggio di Beit Hadaj, nel Negev, un ragazzino di 12 anni, Ziyad Abu Lukima, è morto, e suo fratello Mohammad di 7 anni è rimasto ferito a causa dello scoppio di una mina lasciata sul terreno dall’esercito israeliano. I due fratelli erano a dorso di un asino, che ha posato la zampa sull’ordigno inesploso.

L’anno scorso, quattro beduini palestinesi del Negev sono morti per la stessa ragione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.