Ambasciatore israeliano negli Usa: ‘Azione pienamente legale, un atto tutt’altro che disumano e decisamente responsabile’

Imemc.  In un'intervista rilasciata a Fox News, l'ambasciatore israeliano negli Stati Uniti, Michael Oren, ha definito l'attacco del suo governo “pienamente legale, un atto tutt'altro che disumano e decisamente responsabile”.

Oren insomma dà pieno sostegno all'assassinio degli operatori umanitari internazionali che erano a bordo della Flottilla e, con la stessa dichiarazione, cerca di legittimare gli arresti degli attivisti.

“Israele ha agito nel rispetto della legge; ogni Stato ha il diritto di difendersi. Per Israele questo diritto è tanto più lecito di fronte alla minaccia terroristica rappresentata da Hamas. Pertanto, sebbene l'atto sia stato condotto in acque internazionali, gode di legittimità”.

Stessa politica, ricorda Oren, misero in atto gli USA contro Germania e Giappone durante la II Guerra Mondiale.

Intanto, gli aiuti umanitari restano in mani israeliane.

Nonostante il governo di Tel Aviv abbia comunicato l'intenzione di trasferirli a Gaza, la maggioranza dei beni a bordo delle navi della Freedom Flotilla è stata messa al bando dallo Stato ebraico. Stando alle parole del premier Netanyahu, l'embargo di Gaza continuerà, quindi non ci si può aspettare alcuna distribuzione di quei beni.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"