Campagna Europea contro l’Assedio: l’Egitto respinge l’ingresso a Gaza della delegazione di parlamentari internazionali.

Gaza – Infopal, lunedì 27 ottobre, ore 19,30. La Campagna Europea contro l’Assedio di Gaza oggi ha condannato la decisione del governo egiziano di rifiutare alla delegazione di parlamentari internazionali – che comprende decine di deputati arabi e stranieri – l’ingresso nella Striscia di Gaza attraverso il valico di Rafah.

Il capo della delegazione dei parlamentari, lord Nizar Ahmad, ha condannato il rifiuto del governo egiziano di aprire il valico di Rafah alla missione internazionale in visita a Gaza, e, in un comunicato stampa, ha affermato: "Siamo sorpresi e condanniamo con fermezza la decisione dell’Egitto di respingere il nostro ingresso nella Striscia, nonostante l’obiettivo della visita sia umanitario". E ha aggiunto: "Noi crediamo che sia un diritto dei parlamentari internazionali informarsi sulla tragica situazione nella Striscia di Gaza. Ci aspettiamo che l’Egitto, che sostiene di aiutare il popolo palestinese a Gaza, rifiuti l’assedio aprendo il valico di Rafah alla delegazione".

Da parte sua, il dottor Arafat Madi, presidente della Campagna Europea contro l’Assedio, che ha organizzato la missione, in una dichiarazione da Bruxelles ha affermato: "Siamo sorpresi della decisione delle autorità egiziane di rifiutare l’ingresso della delegazione parlamentare, composta da 53 deputati provenienti da diverse parti del mondo. Il viaggio ha l’obiettivo di conoscere la drammatica situazione umanitaria di un milione e mezzo di palestinesi intrappolati per il terzo anno consecutivo mesi in un assedio che è stato rafforzato negli ultimi sedici mesi, causando finora la morte di più di 255 malati". E ha aggiunto: "Tale decisione equivale a partecipare attivamente al soffocante blocco imposto sulla Striscia di Gaza".

La delegazione internazionale comprende 53 parlamentari provenienti dalla Gran Bretagna, Irlanda, Svezia, Grecia, Italia, Svizzera, Scozia, Africa, Asia e America Latina, e europarlamentari.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"