Ex ministra israeliana: la ‘democrazia’ di Israele è solo d’immagine.

 12 settembre. L’ex ministra israeliana dell’Istruzione, Shulamit Aloni, ha denunciato Tel Aviv per i maltrattamenti dei palestinesi, e l’ha accusato di "etnocrazia e razzismo".

In un libro uscito in questi giorni, l’ex ministra, che è stata anche ministro delle Comunicazioni e ministro delle Scienze e delle Arti, lamenta una "regressione della democrazia rispetto ai tempi della creazione dello stato di Israele".

Ella descrive la legge della "Dignità umana e della libertà", che fu formulata nel 1992 e che definì Israele un regime "ebraico e democratico", una diretta "contraddizione rispetto alla Dichiarazione di indipendenza israeliana" del 1948.

Nel suo saggio, la Aloni condanna il sistema di apartheid in Cisgiordania, il costante e decennale rifiuto del regime nei confronti di accordi di pace e le atrocità israeliane compiute nei Territori palestinesi. 

La Aloni rivela anche che l’assassinio dell’inviato israeliano a Londra, Shlomo Argov, nel 1982, fu solo una scusa per l’occupazione del Libano, avvenuta nello stesso anno, e per l’espulsione della resistenza palestinese da quella regione, mentre l’OLP si era impegnato a un cessate il fuoco al confine settentrionale dei Territori occupati.

L’ex ministra, inoltre, collega l’assassinio dell’allora primo ministro Yitzhak Rabin, avvenuto nel 1995, alla promulgazione di leggi razziste a partire già dagli anni ’80, sollevando l’ipotesi che dietro l’omicidio ci possa essere lo Shabak (l’agenzia di sicurezza israeliana, nota come "Shin Bet").

Aloni ricorda le istigazioni contro Rabin e accusa i coloni ebrei di "razzismo mussoliniano".  "La destra israeliana e i coloni non vogliono la pace, ma l’intera Terra Santa senza gli Arabi e la moschee", ha affermato, definendo la "democrazia" una manovra per dare a Israele un’immagine accettabile agli occhi del mondo.

Nel 1998, Shulamit Aloni fu insignita del premio "Emil Grunzweig per i Diritti umani" dall’Associazione per i Diritti civili di Israele. Attualmente è direttrice dell’organizzazione "Yesh Din", nata nel marzo del 2005, che cerca di opporsi alle continue violazioni dei diritti dei palestinesi nei Teritori occupati.

MRS/MMN

Traduzione a cura della redazione di Infopal.it

Fonte: www.presstv.com/detail.aspx?id=69202§ionid=351020202)

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"