Arresti e demolizioni di vecchie abitazioni e negozi in diverse parti della Cisgiordania

Le forze di occupazione israeliane hanno arrestato due cittadini palestinesi del villaggio Kafl Ad-dik, a ovest di Salfeet. Appoggiate da mezzi militari corazzati, hanno invaso il villaggio, circondando due abitazioni: quelle di Husam Jamal Mustafa (20 anni) e Wajdi Mohammad Naji (21 anni), studenti all’università Aperta di Gerusalemme; hanno fatto uscire le due famiglie e hanno arrestato i due studenti.

I soldati hanno invaso l’abitazione del civile Amjad Naji: l’hanno perquisita minuziosamente, danneggiandone il contenuto, e hanno aggredito i membri della famiglia, ordinando loro di consegnare il figlio.

 

Questa mattina, su un altro versante, otto carri militari hanno invaso i quartieri di Wad Al-Gamari, Al-shaqfan, Abu Najm e Batn Al-aqraa, nei pressi del villaggio di Al-Thahiria, a sud di Al-Khalil (Hebron). Le forze di occupazione hanno perquisito diverse abitazioni private, fra le quali quelle di Talaat Aref Talab, Sulaiman Al-samamrah e Bassam Said Al-hawa. Non ci sono notizie di arresti.

 

Imponenti forze dell’esercito israeliano hanno invaso il villaggio di Beit Eba, situato a ovest della città di Nablus, e hanno perquisito diverse abitazioni, arrestando due cittadini: Refaat Samaneh e Rami Aqal Samaneh, entrambi 21enni.

 

Fonti della sicurezza hanno confermato che l’esercito israeliano ha fatto saltare in aria alcuni negozi e vecchie abitazioni, causando seri danni, in particolare nella zona di Suq Al-basal; e hanno aggiunto che questi danni sono i più ingenti dall’inizio dell’occupazione di Nablus, denominata “inverno caldo” dalla fine di Febbraio scorso.

Le forze di occupazione hanno fatto saltare i blocchi di cemento che la popolazione aveva sistemato per ostacolare l’ingresso dei mezzi militari in città.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.