Fallisce il tentativo delle forze speciali israeliane di arrestare uno dei capi delle Brigate al-Qassam a Tulkarem.

Ieri sera, le forze speciali israeliane, non sono riuscite ad arrestare un "ricercato" delle Brigate al-Qassam, Omar Daud Abu Jaber, 50 anni, dopo aver invaso la sua abitazione, nella cittadina di Ikta, a est della città di Tulkarem, in Cigiordania.

Testimoni oculari hanno raccontato che unità speciali israeliane, militari travestiti da palestinesi, a bordo di un piccolo pulmino con targa palestinese, sono penetrati nella cittadina e hanno invaso la casa del "ricercato" Abu Jaber danneggiandone gli interni e terrorizzando i bambini, senza, tuttavia, riuscire ad arrestarlo.

I testimoni hanno aggiunto che "l’unità speciale ha minacciato la famiglia di Abu Jaber di uccidere il loro congiunto se non si consegnerà alle forze di occupazione prima del loro ritiro", e hanno spiegato che le operazioni di perquisizione nella casa proseguono da tempo.

E hanno aggiunto che due aerei spia hanno sorvolato, due ora prima, il cielo della città di Tulkarem e altre cittadine vicine, in apparenza alla ricerca di Abu Jaber.

I testimoni hanno confermato che la moglie, Suhailah, è sottoposta da quattro giorni a un duro interrogatorio nel centro di al-Jumlah. La donna ha il bacino fratturato e soffre di varie patologie. Inoltre, circa un mese fa, hanno arrestato i suoi due figli Jaber e Anas, due dei suoi nipoti (figlio del fratello) e il marito della figlia.

Le forze di occupazione perseguitano Abu Jaber da sei anni, accusandolo di essere il capo delle Brigate al-Qassam, ala militare del movimento di Hamas, e uno dei suoi attivisti di spicco nel nord della Cisgiordania. Lo accusano anche di essere responsabile di diversi attentati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.