Gang di coloni armati invade cittadina e assalta casa palestinese.

Ramallah – Infopal. Decine di coloni fondamentalisti armati hanno invaso la cittadina di Beitillu, a nord di Ramallah, attaccando una casa ed incendiando un’auto.

Fonti locali riportano che questi ‘coloni’ armati hanno attaccato la casa di Saleh Mohammad Saleh, saccheggiandola prima di bruciare l’auto di suo figlio Mohammad.

L’esercito israeliano non ha fatto nulla per fermare gli aggressori, né ha cercato di allontanarli dalla cittadina.

Fonti locali riferiscono che una banda di coloni fondamentalisti ha recentemente sradicato parecchie piante d’olivo appartenenti ai residenti di Beitillu.

Quest’attacco non è affatto un incidente isolato, specialmente da quando i coloni hanno alzato il tiro degli attacchi ai residenti, alle loro proprietà e alle loro terre in segno di  reazione a quello che Israele definisce “congelamento degli insediamenti”.

L’11 dicembre, un gruppo di ‘coloni’ fondamentalisti ha dato alle fiamme una moschea nella cittadina di Yasuf, vicino a Salfit, in Cisgiordania, imbrattandola anche con scritte fatte con delle bombolette spray.

Martedì, la polizia israeliana ha arrestato ed interrogato il rabbino Yitzhak Shapira, capo della Yeshiva (scuola religiosa) di Od Yusef Chai, poiché lo sospetta di essere coinvolto nell’incendio della moschea. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.