Gerusalemme, le forze di occupazione israeliane sradicano 200 alberi di ulivo.

 Gerusalemme – Infopal. Ieri, nella cittadina di Beit Hanina, a nord di Gerusalemme, i bulldozer dell’occupazione israeliana hanno sradicato più di 200 alberi d’ulivo per far posto a 1300 unità abitative coloniali.

 In un comunicato stampa, Mutasem Teem, membro del direttivo di Fatah nel distretto di Gerusalemme, ha dichiarato: "Israele ha distrutto dieci ettari di terreni, sradicando 200 alberi d’ulivo per costruire al loro posto 1300 unità coloniali".

E ha aggiunto: "La distruzione dei terreni non è una novità. Fa parte dei piani per ebraicizzare la città occupata di Gerusalemme e sottrarre altra terra palestinese".

Teem ha messo in guardia sulla pericolosità delle attività israeliane ai danni della città di Gerusalemme e ha invitato a prendere posizioni "dure" e "coraggiose" per respingere tali piani, e ha chiesto ai palestinesi incaricati del "dialogo con Israele di denunciare in maniera chiara le attività coloniali nella città di Gerusalemme".

Ha poi invitato a lanciare una campagna internazionale per proteggere la città e difenderla dalle ripetute aggressioni israeliane che hanno come obiettivo il controllo totale su tutta l’area.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.