I tribunali militari israeliani hanno condannato oltre il 99% dei palestinesi processati

Al-Quds (Gerusalemme) – Afp. I tribunali militari israeliani in Cisgiordania hanno emesso condanne per il 99,74% dei palestinesi processati, stando ai dati pubblicati ieri dal quotidiano israeliano Ha'aretz.

Dai dati dei registri annuali dei tribunali, emerge che le corti hanno ascoltato 9.542 casi nel 2010, 2mila dei quali riguardavano accuse di “attività terroristiche”.

Su 9.542 casi, solo 25 sono stati assolti da ogni accusa (il tasso di colpevolezza è del 99,74% tra gli imputati), mentre il 4% è stato assolto solo da alcuni capi d'accusa.

I dati inoltre mostrano quanto sia stata alta la percentuale di palestinesi condannati a detenzione amministrativa, accogliendo il 98,77% delle 714 istanze di detenzione.

Il numero dei processi in appello presso tribunali militari è stato decisamente più elevato a favore dell'accusa rispetto a quelli concessi alla difesa.

I processi d'appello sono stati accolti nel 67% dei casi, mentre gli appelli della difesa hanno avuto un esito positivo solo nel 33% dei casi.

I palestinesi in Cisgiordania accusati da Israele di reati penali o di sicurezza sono stati quasi sempre processati in corti militari e quasi mai in tribunali civili.

Oltre ai 2mila casi di terrorismo sono stati trattati dai tribunali militari nel 2010, gli stessi organi giudiziari hanno ascoltato 763 casi di “condotta contraria all'ordine pubblico”, residenza illegale in Israele, reati della strada e attività criminose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.