Il Centro studi sui prigionieri: 'La campagna condotta dalla famiglia di Shalit è scorretta e ingiusta di fronte le migliaia di detenuti palestinesi'

Gaza – Pal-Info, Women for Palestine. Il Centro studi sui prigionieri 'al-Ahrar' (Liberi) pone l'attenzione sulla campagna della famiglia del soldato israeliano, Gilad Shalit, sequestrato nel 2006 dalla resistenza palestinese nella Striscia di Gaza. 

I familiari di Shalit hanno innescato una campagna a livello internazionale per la liberazione del figlio e di pressione sul governo israeliano. 

Il Centro richiama famiglie dei detenuti palestinesi e organizzazioni per i diritti umani affinché si intraprendano azioni coese in risposta alla propaganda della parte israeliana. 

Tra le parti chiamate in causa da al-Ahrar, anche l'Autorità Nazionale Palestinese (Anp) e il Consiglio Legislativo Palestinese (Clp) per lanciare una campagna nazionale congiunta d'effetto rivolta alla liberazione di detenuti e prigionieri palestinesi. 

'La campagna condotta dalla famiglia di Shalit è scorretta e – per l'ennesima volta – un'ingiustizia di fronte la realtà che vede migliaia di detenuti e prigionieri palestinesi ostaggio nelle carceri di Israele'. 

Tra le richieste di al-Ahrar, vi è pure l'esortazione a stilare una nuova legge palestinese che interdica qualunque negoziato di pace in presenza dell'indifferenza israeliana sulla questione dei prigionieri palestinesi. 'Le violazioni contro i detenuti palestinesi hanno raggiunto livelli senza precedenti'. 

Nella Striscia di Gaza, le donne del blocco islamico, di concerto con 'Abd al-Nasser Farawna, ex detenuto e attualmente direttore del dipartimento di Statistica per gli affari dei prigionieri, hanno elogiato la riuscita di una manifestazione – una settimana fa a Gaza – in memoria dei detenuti palestinesi. 

La marcia si era ritrovata al valico di Eretz e aveva ricevuto l'adesione di cittadini palestinesi di ogni schieramento politico. 

Sulla base della numerosa presenza all'evento, Farawne, ha auspicato l'unità nazionale e il dialogo tra Fatah ed Hamas a partire dalla delicata questione dei prigionieri. 

“D'ora in poi, dovrà concretizzarsi una campagna per i nostri prigionieri e le iniziative riguarderanno ogni parte civile e politica ma soprattutto si dovrà attirare l'attenzione pubblica con frequenti iniziative di solidarietà”, sostiene Farawne.           

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.