Il giudice revoca la decisione di rilasciare i politici palestinesi imprigionati. Prolungato l’arresto di Adweik e degli altri 18 dirigenti.

Dal nostro corrispondente.

La Corte militare israeliane di Ofer, vicino alla città di Ramallah, ha prolungato l’arresto del portavoce del Parlamento palestinese, il dott. Aziz Adwaik, e numerosi tra deputati e parlamentari incarcerati.

Poche ore prima del rilascio di 18 (o 21) fra i dirigenti palestinesi imprigionati, il Procuratore Generale israeliano è ricorso in appello contro la sentenza della Corte militare di Ofer.

L’avvocato del ministero per gli Affari dei Prigionieri, Shireen Issawi, ha dichiarato che il "Procuratore militare ha informato il comitato di difesa del suo appello contro il provvedimento di scarcerazione, di conseguenza, la detenzione dei dirigenti verrà automaticamente estesa".

La Corte militare di Ofer, martedì, aveva comunicato la decisione di rilasciare 18 dei politici palestinesi detenuti, incluso il portavoce del Parlamento, Aziz Adwaik. Il giudice aveva dato all’accusa 48 ore di tempo per presentare l’appello. Avrebbero dovuto essere rilasciati oggi.

Secondo quanto ha spiegato l’avv. Issawi, i dirigenti dovranno comparire di nuovo di fronte alla Corte la settimana prossima. E ha aggiunto che l’accusa e la Procura generale israeliana, non sono riusciti a presentare nuove prove per condannare i detenuti – la maggior parte dei quali è in carcere dalla fine di giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.