Il gruppo 'Ayman Jawdat': 'E' in atto un tentativo di corrompere la resistenza palestinese attraverso il denaro'.

Le Brigate dei Martiri di al-Aqsa – il consiglio generale dei gruppi di Ayman Jawdat – hanno condannato "il tentativo di comprare i resistenti". Il riferimento è all’accordo sull’amnistia israeliana ai "ricercati": tregua in cambio della fine delle persecuzioni.

In un comunicato stampa, le Brigate Al-Aqsa hanno affermato: "Negli ultimi tempi ci sono giunte notizie di accordi stupidi: comprare la fine delle ostilità, da parte dei combattenti di Al-Aqsa, per l’amnistia israeliana. Qualcuno ha dimenticato che con quelli lì non c’è sicurezza: l’occupazione ancora prosegue ad ucciderci e a uccidere i nostri resistenti, in particolare in Cisgiordania. Hanno dimenticato quanto è successo ai nostri fratelli a Ramallah, dopo il martirio del capo generale, Yasser Arafat".

Le Brigate hanno affermato che chiunque rinunci alle armi "è fuori dall’ala militare del movimento di Fatah".
I gruppi di Ayman Jawdat hanno invitato tutti i membri delle Brigate Al-Aqsa in Cisgiordania a custodire le armi per difendere se stessi e il popolo palestinese e a proseguire la resistenza "come unica scelta davanti alla macchina da guerra sionista".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.