Israele accolto nell’OCSE.

Betlemme – Palestine News Network. Mohammed Baraka, deputato palestinese nella Knesset, il Parlamento israeliano, ha riferito ieri alla stampa l’esito della votazione alla Organisation for economic co-operation and development (OECD), l'Organizzazione per la cooperazione e lo Sviluppo economico (OCSE).

Con il voto, è stata approvata la proposta di accogliere Israele tra gli stati membri.

Baraka ha sottolineato come, questa decisione, incoraggerà Israele a proseguire le proprie politiche di discriminazioni ed apartheid.

Nei mesi scorsi si sono rese pubbliche le motivazioni per cui Israele non doveva  essere accettato nell’Oecd, a partire dalle discriminazioni contro gli arabi d’Israele.

Tutti i 31 stati membri dell’Oecd hanno votato a favore mentre, in passato, Svizzera, Irlanda e Norvegia avevano posto delle riserve a causa della commercializzazione dei prodotti delle colonie.

Ieri, dunque, Israele è stato accolto all’unanimità nell’Oecd.

Ricordiamo che la documentazione fornita all'Organizzazione da Israele contiene dati invalidi perché non vengono fatte le dovute distinzioni tra i prodotti provenienti dalle colonie e quelli prodotti in Israele. Le colonie sono costruite sulla terra palestinese e sono illegali.

Questo voto ha un enorme significato: protezione economica e nuovi investimenti a favore di Israele.

 http://english.pnn.ps/index.php?option=com_content&task=view&id=8114

(Foto: 19/01/10, il Segretario generale dell'OECD, Angel Gurría, e il presidente israeliano Shimon Peres).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.