Israele e diritti umani: 40 palestinesi disabili imprigionati

Ramallah – InfoPal. Statistiche ufficiali elaborate dal Dipartimento del ministero per gli Affari dei Prigioieri di Ramallah svelano un grave dato: “Israele detiene attualmente 40 palestinesi con disabilità di vario grado”.

Il documento è stato stilato in preparazione alla Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, celebrata il 3 dicembre di ogni anno.

In esso si legge: “Dal 1967 Israele non ha mai fatto eccezioni negli arresti arrestando malati e sofferenti, disabili o feriti”.

Alcuni di questi palestinesi disabili e detenuti da Israele si trovano su una sedia a rotelle.

Israele si rifiuta di farli visitare da personale per i diritti umani o medico; si rifiuta di fornire loro la cura, e soprattutto si rifiuta di liberarli.
Lo stato di salute di centinaia di palestinesi malati è peggiorato a causa della limitata possibilità di movimento all'interno delle prigioni israeliane.

Tra le altre pratiche, le forze d'occupazione israeliane non esitano a fermare ambulanze del soccorso palestinese per arrestare i pazienti a bordo, e sono numerosi i casi di palestinesi sofferenti arrestati presso posti di blocco o valichi di frontiera, magari proprio mentre si recano in Israele o nei Paesi arabi per ricevere le cure richieste. In tal modo, Israele blocca ogni possibilità di trattamento, quindi nega loro il diritto alla salute, e continua a negarlo anche dopo l'arresto.

Si riportano numerosi casi di torture e abusi praticati dal personale israeliano allo scopo di estorcere confessioni e, nei confronti dei palestinesi con disabilità detenuti, si estendono sentenze emesse dai tribunali militari, anche fino all'ergastolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.