Israele fa demolire la storica sede del Consiglo Superiore islamico a Gerusalemme: al suo posto, appartamenti moderni a 20 mila dollari al mq.

Gerusalemme – Infopal

Le autorità di occupazione israeliana hanno demolito la storica sede del Consiglio Superiore Islamico, fatta costruire nel 1929 da Amin al-Husaini nella città di Gerusalemme. Al suo posto verranno edificati appartamenti di lusso per ricchi ebrei. Sono stati anche confiscati altri terreni vicini.

L’Associazione al-Aqsa per la protezione dei luoghi sacri dell’Islam oggi ha reso noto che "i bulldozer israeliani hanno demolito tutto l’edificio, eccetto la parete esterna, che verrà mantenuta nella nuova costruzione, dopo avervi tolto ogni traccia che ne dimostri l’appartenenza alla cultura araba e islamica".

Israele sta portando avanti un piano per ebraicizzare la città di Gerusalemme e distruggervi ogni segno arabo- islamico: fa demolire abitazioni storiche; rende difficile la vita degli abitanti di Gerusalemme, costringendoli ad andarsene; ritira le carte d’identità, ecc.

L’associazione al-Aqsa ha spiegato che la nuova costruzione cancellerà ogni traccia di architettura islamica e assumerà una forma occidentale: da essa sorgeranno appartamenti di lusso per ricchi ebrei americani e occidentali.
Il prezzo di ogni appartamento sarà di 15 – 20 mila dollari americani a metro quadro: 250 metri quadrati costeranno 5 milioni di dollari.

L’associazione al-Aqsa ha definito la demolizione della sede del Consiglio Islamico Superiore un "crimine contro la civiltà islamica" e ha rivolto un appello "ai musulmani del mondo perché si muovano per salvare Gerusalemme".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.