L’Egitto annuncia il divieto per Israele di atterraggio e sorvolo sul Sinai

Il Cairo – Infopal. Il giornale egiziano “Ruz al-Yousef” ha rivelato ieri, 28 giugno, che le autorità egiziane hanno posto un divieto all'aviazione israeliana di atterrare all'aeroporto di Taba (Sinai egiziano). Lo stesso divieto riguarda il sorvolo del relativo spazio aereo.

Finora gli aerei israeliani vi atterravano in situazioni di emergenza, come poteva essere il maltempo nel sud di Israele.

La notizia era stata data dalla stampa israeliana il 18 del corrente mese.

La decisione delle autorità aeroportuali di Taba scaturisce dall'inadempienza israeliana sulle istruzioni da fornire alla torre di controllo.

La stessa fonte riporta che questa comunicazione egiziana è da considerarsi definitiva e non temporanea.

Il direttore dell'autorità dell'aviazione civile egiziana, Sameh Hafni, ha affermato che la decisione rientra nell'ambito del concetto di “reciprocità”.

Si tratta del primo punto di tensione tra Egitto ed Israele, che sono legati, sin  dal 1979, da un accordo per la libertà di sorvolo dei rispettivi cieli.

Su questa decisione potrebbero aver influito le politiche israeliane: embargo su Gaza e giudeizzazione di Gerusalemme.

“L'Egitto dovrebbe vietare ad Israele l'ingresso sia nel Sinai del nord sia del sud”, così descrive l'episodio 'Ashraf al-Hafni, segretario di un partito di sinistra del Comitato popolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.