L’Egitto nega di aver ripreso a fornire gas a Israele

Il Cairo – Pal.info. Il ministero del petrolio egiziano ha negato le voci diffuse dai media riguardanti la ripresa di rifornimenti di gas dall’Egitto a Israele, martedì. 

Le tubature che conducono gas naturale in Israele e Giordania sono state sabotate ben tre volte durante le proteste popolari che hanno destituito il precedente regime di Hosni Mubarak.

Fonti ministeriali hanno dichiarato che occorre riparare i danni con pezzi di ricambio provenienti dall’estero, prima che le condutture possano tornare in funzione. 

L'agenzia Reuters ha comunicato che la East Mediterranean Company ha annunciato la ripresa delle esportazioni di gas a Israele, dopo uno stallo di oltre un mese.

Il ministro del petrolio, Abdullah Gharab, ha negato la presenza di ragioni politiche nella distruzione delle condutture che consentivano il commercio di gas con Israele.

Israele ha annunciato che ricorrerà a un arbitrato internazionale, se l’Egitto alzerà i prezzi del gas, come ha minacciato di fare.

Israele riceve il 45 per cento del proprio fabbisogno di gas dalla conduttura che attraversa il Sinai, a un prezzo economico rispetto alle tariffe mondiali di gas.

Le relazioni tra Israele e l'Egitto si sono deteriorate dopo che il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha rifiutato di arrendersi all’impennata dei prezzi del gas, causato dalle proteste in Egitto.

Le politiche egiziane nei confronti di Israele sono drasticamente cambiate, dopo il passaggio di potere avvenuto in Egitto.

Il paese ha riaperto mercoledì i confini con la Striscia di Gaza, precedentemente chiusi per quattro giorni per motivi tecnici.

Inoltre martedì, alcuni manifestanti si sono riuniti nei pressi dell'ambasciata israeliana al Cairo, chiedendo l’arresto completo dell'esportazione di gas naturale egiziano a Israele. 

I manifestanti hanno anche condannato l'infiltrazione nella moschea di al-Aqsa da parte di estremisti ebrei, avvenuta il giorno prima, così come le politiche di Israele contro i palestinesi.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.