L’UNRWA chiede alla comunità internazionale di proteggere i civili della Striscia di Gaza dai continui attacchi israeliani.

Dal nostro corrispondente.

John Ging, direttore delle operazioni UNRWA nella Striscia di Gaza, oggi ha chiesto alla comunità internazionale di garantire urgente protezione ai civili nella Striscia di fronte agli incessanti attacchi militari israeliani, che dall’inizio di novembre hanno lasciato sul terreno 95 morti.

Ging ha dichiarato che quanto accaduto ieri in una delle scuole elementari del campo profughi, a Beit Lahiya, a nord della Striscia, dove due bambini sono stati colpiti da proiettili israeliani dentro le loro classi, è frutto di un "brutale circolo di violenze".

In un comunicato stampa, Jing ha fatto luce sulla tragedia segnalando la necessità di una protezione internazionale della popolazione civile, aggingendo come i bambini nei campi profughi non sono più al sicuro neanche a scuola.

Ieri, sabato, tank israeliani hanno lanciato missili contro una scuola per bambini rifugiati, a Beit Lahiya, ferendo alla testa un bimbo di 7 anni, Ahmed Abdul Aziz, e una ragazzina di 12, Rawa’ Al-Mabhoh.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.